AGRICOLTURA SOCIALE, SE NE PARLA AL PARCO DELLA MAJELLA

229
AGRICOLTURA SOCIALE, SE NE PARLA AL PARCO DELLA MAJELLA

Nei giorni 28 febbraio e 1 marzo nella sede centrale del Parco Nazionale della Majella si terrà un convegno sull’agricoltura sociale

PERCHÈ QUESTO CONVEGNO IN ABRUZZO E PERCHÈ L’IMPORTANZA DI UN COORDINAMENTO REGIONALE:
Oggi in Italia sono attive nell’agricoltura sociale circa mille realtà distribuite su tutto il territorio nazionale. In tutta l’Europa si riconosce ormai un ruolo rilevante a questo peculiare tipo di aziende per il quale il Comitato economico e sociale europeo ha adottato, nel 2012, la seguente definizione: «Un insieme di attività che impiegano risorse agricole, sia vegetali che animali, al fine di creare prestazioni sociali nelle aree rurali o periurbane. In questo senso, scopo dell’agricoltura sociale è quello di creare le condizioni, all’interno di un’azienda agricola, che consentano a persone con esigenze specifiche di prendere parte alle attività quotidiane di una fattoria, col fine di assicurarne lo sviluppo e la realizzazione individuale e di migliorare il loro benessere».
In Abruzzo sono tante (e purtroppo sparse e spesso sole) le aziende interessate all’agricoltura sociale e ancor di più le cooperative sociali che a vari livelli (insieme alla rete dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari) lavorano con il disagio e la disabilità. Entrambe le realtà potrebbero beneficiare ulteriormente delle iniziative legate a tale settore, sia in termini di occupabilità che di qualità della vita delle persone coinvolte, qualora vi fosse una collaborazione tra tutti i soggetti interessati.
Nasce quindi l’esigenza di coordinare i vari attori che, insieme alle istituzioni da sensibilizzare, possano trovare modalità e risorse per far si che all’agricoltura sociale venga attribuito un ruolo importante per lo sviluppo socio-economico delle province abruzzesi.

[row_fluid][accordion title=”NOTE SULL’AGRICOLTURA SOCIALE E SULLA RETE FATTORIE SOCIALI” visible=”no”]

La Rete Fattorie Sociali riunisce le strutture che in Italia svolgono attività di agricoltura sociale e i soggetti che, a qualsiasi titolo, sono impegnati allo sviluppo di tali attività.


L’agricoltura sociale racchiude le attività esercitate dagli imprenditori agricoli e dalle cooperative sociali dirette a realizzare: 

a) inserimento socio-lavorativo di soggetti svantaggiati e di minori in età lavorativa inseriti in progetti di riabilitazione e sostegno sociale; 

b) prestazioni e attività sociali e di servizio per le comunità locali mediante l’utilizzazione delle risorse materiali e immateriali dell’agricoltura per promuovere, accompagnare e realizzare azioni volte allo sviluppo di abilità e di capacità, di inclusione sociale e lavorativa, di ricreazione e di servizi utili per la vita quotidiana; 

c) prestazioni e servizi che affiancano e supportano le terapie mediche, psicologiche e riabilitative finalizzate a migliorare le condizioni di salute e le funzioni sociali, emotive e cognitive dei soggetti interessati anche attraverso l’ausilio di animali allevati e la coltivazione delle piante; 

d) progetti finalizzati all’educazione ambientale e alimentare, alla salvaguardia della biodiversità nonché alla diffusione della conoscenza del territorio attraverso l’organizzazione di fattorie sociali e didattiche riconosciute a livello regionale.

www.fattoriesociali.it

www.facebook.com/groups/119231918095702/?fref=ts

[/accordion][/row_fluid]

ORGANIZZATORI:
RETE NAZIONALE FATTORIE SOCIALI
PATROCINIO DEL PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA
SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: Ass. “MOVIMENTO ZOE’”
www.movimentozoe.com
info@movimentozoe.com
Tel: +39 334 722342

Locandina