Allarme OMS: l’inquinamento ambientale uccide 600mila bambini ogni anno

84
inquinamento

Ogni anno l’inquinamento uccide 600 mila bambini. La percentuale di ragazzi al di sotto dei 15 anni che ogni giorno respira aria inquinata è pari al 90%.  A rivelarlo è il rapporto sull’inquinamento dell’aria presentato a  dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in occasione della prima Conferenza globale sull’inquinamento atmosferico e salute che si è tenuta a Ginevra il 30 ottobre. I dati delineano uno scenario preoccupante per i bambini italiani, che sono esposti a livelli altissimi di polveri sottili. Il 98% vive in zone altamente inquinate, in particolare nel Nord Italia, dove vengono superati regolarmente i limiti dei principali inquinanti dell’aria (Pm10, azoto e ozono).

Gli effetti dell’inquinamento dell’aria iniziano già dalla gravidanza, durante la quale l’esposizione causa parti prematuri e basso peso alla nascita. Inoltre, l’aria inquinata ha un impatto sullo sviluppo cognitivo, scatena malattie respiratorie come l’asma, favorisce lo sviluppo di malattie cardiovascolari ed è una delle principali cause della comparsa di tumori infantili.

“Il crescente tasso di cancro nei bambini di tutto il mondo è profondamente preoccupante – si legge nel rapporto –  Ci sono molte prove del legame fra esposizione prenatale o infantile all’AAP (ambient air pollution) e aumento del rischio di leucemia e altri tumori”. Gli inceneritori dei rifiuti, i processi industriali, le combustioni di carburante contribuiscono alla formazione di sostanze tossiche che possono depositarsi in qualsiasi ambiente; pertanto i bambini anche quando giocano nelle loro case sono esposti all’inquinamento.

I dati del rapporto dicono che le esposizioni all’inquinamento ambientale esterno hanno provocato la morte prematura di 300.000 mila bambini sotto i 5 anni nel 2016, e complessivamente il decesso di 4,2 milioni di persone.

Per quanto riguarda l’HAP (houseold air pollution), nel mondo circa tre miliardi di persone utilizzano combustibili e dispositivi inquinanti. Donne e bambini passano la maggior parte del loro tempo in ambienti chiusi, e come dimostrano molti studi, le concentrazioni degli inquinanti indoor sono generalmente da 1 a 5 volte maggiori rispetto a quelle outdoor, mentre l’esposizione indoor è da 10 a 50 volte superiore all’esposizione outdoor.

Uno dei fattori che facilita la comparsa di malattie nei bambini è la velocità della respirazione, che è doppia rispetto a quella degli adulti, e la quantità di inquinanti atmosferici inalati è maggiore. Le particelle vengono mosse più velocemente attraverso il sistema respiratorio nei primi anni di vita e raggiungono i polmoni, gli alveoli e il flusso sanguigno rapidamente. A differenza degli adulti, inoltre, i bambini sono più attivi fisicamente e sono più vicini al terreno, dove il livello di concentrazione degli inquinanti è maggiore. “L’inquinamento è il nuovo tabacco. È un’emergenza sanitaria perché uccide 7 milioni di persone ogni anno e danneggia la salute di molte persone- ha dichiarato Tedros Adhanom, direttore dell’Organizzazione mondiale della Sanità –  Nonostante questa epidemia di vittime e invalidità, evitabile e prevenibile, una fosca cappa di autocompiacimento pervade il pianeta”.