Ascosi lasciti, Saepinum tra le gemme molisane più preziose

265
IL FASCINO DI SEPINO IN UN BLOG AMERICANO

“Ascosi lasciti”, cioè doni celati, che solo l’occhio del visitatore non comune può cogliere. Così si chiama il blog che con un articolo firmato da Domenico Antonacci, ha puntato su un Molise sconosciuto ma ricco di preziosi segni, nel quale si trova una misteriosa Saepinum Town

“Se mi chiedete cosa visitare nella seconda regione più piccola d’Italia – scrive l’autore – indubbiamente la risposta è Sepino. E qui il viaggiatore amante di territori e paesi trova il massimo diletto. Luoghi, oggetti, segni della storia che, dietro la spinta della curiosità, in questo sito vengono mostrati e raccontati al lettore.

Così accanto al sito archeologico di Sepino si delinea il quadro del Molise, regione di cui poco si sa. E che invece, “tra il soffio dei venti della Majella e la mole imponente del Matese vide la presenza dei Sanniti, l’unica popolazione italica a opporsi con un certo successo, ma non per molto, all’espansione della Repubblica di Roma. Davide contro Golia, Molise contro Roma”.