MOLISE ALLA BIT CON LA ‘COSTA DEI DELFINI’

212
MOLISE ALLA BIT CON LA ‘COSTA DEI DELFINI’

Qual è la percezione che hanno i turisti italiani del Molise? Quale è stata fino ad oggi? Molto probabilmente quella di una regione dai verdi pascoli con un’ottima produzione di formaggi e latticini. La partecipazione del Molise alla Bit 2015 (Borsa internazionale del Turismo) a Milano ha come obiettivo quello di estendere la visione dei turisti e promuovere anche il Molise Costiero. Come? Con una cordata di Comuni, ben quattro quelli che si affacciano sull’Adriatico: Termoli, Campomarino, Montenero e Petacciato, e di enti no profit come l’associazione ‘Termoli Medioevale’ e privati come gli imprenditori che hanno fortemente voluto la partecipazione alla BIT coinvolgendo le pubbliche amministrazioni. Allo stand g17 nel padiglione 11 della Bit di Milano il Molise è rappresentato dai seguenti operatori: per Termoli, capofila del progetto partecipano oltre all’associazione Termoli Medioevale che vede l’impegno di tutti gli operatori turistici del Borgo Vecchio, anche il Porto turistico Marina di San Pietro, per Campomarino c’è la partecipazione del ‘Gruppo Vileno’ con diverse strutture ricettive e dell’agriturismo per il turismo sociale ‘La Casetta Don Carlino’, per Montenero di Bisaccia c’è il porto turistico ‘Marina Sveva’ e l’agriturismo ‘Oca giuliva’ e infine per Petacciato c’è il ‘Gruppo Bruscino’ con il lido Calipso.
Il concept che accomuna e crea sinergia tra le diverse forze impegnate nella promozione turistica è il brand ‘Costa dei delfini’ che nasce da un dato di fatto, quello che nello specchio di mare antistante la costa molisana i delfini nuotano ancora in libertà, giocando con le scie degli aliscafi che collegano la costa alle Isole Tremiti e lasciando affascinati i diportisti che ormeggiano nei tre porti turistici di Termoli, Montenero di Bisaccia e Campomarino. Il delfino simboleggia il legame dell’uomo con la natura, legame che in Molise ha ancora un valore molto forte; gran parte della costa molisana ha ancora tratti di pineta e aree incontaminate come quelle delle dune del litorale di Petacciato dove si riproducono specie aviarie rare come il Fratino.
L’obiettivo della partecipazione alla Bit 2015 è quello di fornire una nuova prospettiva al turista e di attrarre diverse fasce di target: da un lato il turismo legato alle famiglie che in Molise, con spiagge lunghe e di sabbia morbida, la profondità del mare che digrada dolcemente verso la costa, il clima particolarmente mite, trovano il luogo ideale per il divertimento e il relax dei bambini, dall’altro 3 porti turistici per quasi 1000 posti barca, circa 150 ristoranti, più di 100 tra alberghi, B&B, campeggi e agriturismi, 30 lidi balneari e centinaia di appartamenti fanno sì che la ‘Costa dei delfini’ favorisca il turismo dei diportisti, degli amanti del mare, della vela e del surf.
Per la ‘Costa dei delfini’, in occasione della BIT è stato creato un landing site, www.costadedelfini.com, che è solo una premessa a un vero e proprio portale info turistico della costa dove troveranno spazio tutti gli operatori, gli enti e le istituzioni che lo desidereranno e che consentirà ai visitatori dello stand del Molise in Bit di conoscere la nostra regione partendo dalla costa e muovendosi alla scoperta dell’interno, di osservare la natura e di scegliere il Molise come meta della prossima vacanza o come spunto di promozione per pacchetti turistici.
Nei tre giorni di Bit la delegazione molisana a Milano seguirà diverse agende, ovvero, incontri tematici e formativi basati sull’innovazione legata al turismo.
Al rientro a Termoli sarà organizzata una conferenza stampa in cui verranno forniti dati sull’affluenza allo stand del Molise, e feedback legati alla partecipazione alla BIT.