Nicoletta, una molisana in Spagna che sogna l’agricoltura sostenibile

Nicoletta Radatta, molisana di San Felice del Molise e trapiantata in Spagna con una laurea in Relazioni Internazionali, sogna il ritorno nella sua terra per praticare agricoltura sostenibile.

492
Agricoltura

Classe 1980, Nicoletta Radatta, molisana, è approdata sulle pagine del Redattore Sociale, che ne racconta la storia per parlare dei tanti giovani che oggi scelgono di tornare alle origini, alla terra, scegliendo, seppur tra tante difficoltà, perlopiù burocratiche, di intraprendere la via dell’agricoltura. È ciò che vorrebbe fare anche Nicoletta, laureata in Relazioni Internazionali e trapiantata a Barcellona per lavoro. Oggi vorrebbe rientrare a San Felice del Molise dove, come lei stessa racconta in un’intervista al Redattore, è cresciuta tra i vigneti, uliveti e campi di grano. La molla che ha fatto scattare in Nicoletta la voglia di tornare a casa e avviare un progetto di agricoltura sostenibile è stato il confronto con la periferia e la povertà della città in cui si è trasferita per lavoro e la grande ricchezza, spesso sottovalutata, delle nostre terre. Terre che possono dare molto e sfamare molte famiglie. L’idea di Nicoletta è pero quella di produrre e vendere direttamente i prodotti agroalimentari, eliminando il filtro degli intermediari. Tuttavia la burocrazia è stato il primo e più importante ostacolo che Nicoletta ha incontrato tornando in Molise per avviare il suo progetto. Nel suo racconto c’è il resoconto della lunga trafila che ha seguito e nella quale è rimasta impelagata e che le ha fatto perdere un po’ la speranza di farcela.