Turismo dei cammini in Molise, un gruppo di svedesi in marcia sul tratturo

Base a Ripabottoni, oggi in marcia da Castropignano a Ripalimosani gustando genuinità e scoprendo borghi con Tratturo Coast2Coast

282
Cammino maggio17 evidenza

Momenti indimenticabili, panorami unici, cibi genuini squisiti, simpatia ed accoglienza: è il turismo dei cammini, scelto in questi giorni da un gruppo di svedesi che hanno deciso di vivere il Discovery Molise organizzato da Tratturo Coast2Coast.

Sono partiti sabato per dedicare una settimana alla scoperta di luoghi e culture a loro sconosciuti, facendo tappa fissa a Ripabottoni dove Karin, loro conterranea, li sta ospitando nel suo B&B, punto di riferimento per l’intero soggiorno.

Oggi hanno camminato parecchio, da Castropignano a Ripalimosani dove hanno raggiunto prima le Quercigliole, località in campagna in cui hanno fatto lunch a base di tartufi (in foto la tavolata), poi il borgo antico, dove hanno apprezzato scorci, segni architettonici ed artistici. Il tutto con guida in lingua inglese fornita sempre dall’associazione. E dopo la visita al paese tutti sul bus per il rientro alla base, un po’ di riposo e una gustosa cena tipica per riprendere le forze.

Un tuffo nelle eccellenze locali, allaalbero riscoperta dei luoghi centro-bassomolisani e dei gusti come l’olio, il tartufo, il pesce. Pacchetto invitante, fatto di attività fisica e culturale con guida sul tratturo, esperti in territorio, interprete, strutture di accoglienza, attività commerciali per le degustazioni, appassionati di arte e storia, amicizie vecchie e soprattutto nuove.

Alta qualità insomma, quella di cui la regione del Molise si può vantare soprattutto se sviluppa questo tipo di incoming e realizza un cammino da percorrere riconosciuto da tutti da inserire nelle proposte turistiche di nicchia che più di altre le appartengono.

Prossimo appuntamento a giugno con Per Samnium, dal 9 all’11, tre giornate dedicate ai cammini che attraversano il Molise, nei territori dell’Antico Sannio, coinvolgendo camminatori e ciclisti lungo gli itinerari storici, economici e religiosi riscoperti e rivalutati.