Vivere senza rifiuti, la scelta di Stevie Van Horn

Stevie Van Horn è una attivista ambientalista, abita a Brooklyn, in uno dei cinque quartieri più popolosi di New York City, e ha deciso di vivere senza produrre rifiuti, adottando quindi la filosofia “zero waste“. Stevie non utilizza la plastica o cose non riciclabili, perché in questo modo può evitare la discarica. La sua casa contiene materiali di seconda mano o vintage, tutti  riciclabili al cento per cento. Dietro questa scelta di vita, spiega l’attivista, c’è un motivo preciso: la difesa del micelio, il corpo vegetativo dei funghi, che secondo alcuni studiosi offre le migliori soluzioni per isolare il carbonio, per preservare la biodiversità, per ridurre gli agenti inquinanti, e per offrirci le medicine di cui abbiamo bisogno oggi. Un altro motivo è l’impatto della plastica sulla Terra.

Quella di Stevie Van Horn è una scelta radicale, che ha richiesto una preparazione di circa due mesi, ed è iniziata con l’acquisto di utensili e barattoli di vetro e borse di tessuto. Stevie evita di mangiare in locali non rispettosi dell’ambiente, compra prodotti sfusi anche per le pulizie domestiche, e quando  gira per la città, porta con sè una tazza di ceramica per bere il caffè. Stevie realizza inoltre compost congelati in casa, in questo modo non si sentono i cattivi odori. Il compost viene ritirato dal Comune, che lo distribuisce tra giardini e parchi.

La filosofia di vita di Stevie Van Horn non è affatto semplice da seguire. L’ambientalista ha infatti ammesso che non manca qualche tentazione tipica della società dei consumi, come quella di mangiare snack o cioccolato in aeroporto, dove non ci sono reparti dedicati allo sfuso, e la plastica è ovunque. Ma Stevie resiste perchè non esiste un pianeta B. E basterebbe adottare soltanto alcune delle buone pratiche indicate dall’attivista per salvaguardare la Terra.


Fonte del Video: VICE Italia