Arresto di Mimmo Lucano: l’arcivescovo Bregantini esprime sofferenza e appoggio

L’arcivescovo di Campobasso-Bojano, già guida di Locri-Gerace, ricorda il lavoro svolto ed esprime solidarietà ed affetto al sindaco dell’accoglienza

89
vescovo bregantini

Da ieri è su tutti i media la notizia dell’arresto del sindaco di Riace Mimmo Lucano per irregolarità nelle procedure da lui firmate in ordine all’accoglienza immigrati. Una serie di punti che, da quanto si è appreso questa mattina, sono stati già in gran parte depennati dal giudice per le indagini preliminari. In ogni caso la notizia sta facendo il giro del paese alzando scontri di opinione anche vivaci, nei confronti di un provvedimento che pare eccessivo a gran parte dell’opinione pubblica, soprattutto a confronto con le grandi piaghe della terra di Calabria.

Una delle voci più autorevoli che si è alzata dal Molise in appoggio al sindaco che oggi è ai domiciliari è quella dell’arcivescovo Giancarlo Bregantini, oggi alla guida della diocesi di Campobasso – Bojano ma proveniente da una quindicinale missione proprio in Calabria

“Davanti al fatto degli arresti domiciliari del sindaco di Riace Mimmo Lucano – afferma Bregantini in una nota – esprimo la mia profonda amarezza e dolore. Per lui e per tutta la comunità del paese e della Calabria tutta, dove sono stato Vescovo per ben 14 anni.

Sento perciò di dire una parola di vicinanza e di solidarietà, che possa essere di conforto all’amico Mimmo e di luce per tutti i fedeli della zona. Infatti, ritengo che l’agire di questo sindaco, coraggioso e tenace, sia stato fecondo di bene e fortemente progettuale. Ha colto l’occasione che gli era stata posta dai fatti, quella cioè di accogliere anni fa un vascello di cittadini Curdi, che per caso era sbarcato sulle coste del suo paese. Ha sentito dentro un grande movimento di umanità, che lo spingeva alla solidarietà diretta e fattiva. In questo cammino, ha coinvolto progressivamente l’intero suo paese, Riace. Specie il centro storico, dove ha potuto così riattivare e riabitare tante case vuote, perché i proprietari erano emigrati altrove. Terra quindi di emigrazione, la Calabria. E perciò terra che meglio può esprimere un cuore vivo di empatia relazionale. Proprio su questa empatia relazionale ha poi proseguito il suo cammino, sostenuto personalmente anche dalla nostra Chiesa di Locri – Gerace.

A tratti è stato un itinerario anche rischioso, spesso dovendo scontrarsi con logiche di comodità o di interessi malavitosi. Ma di certo, è stato un uomo lungimirante, un sindaco che ha capito che solo valorizzando gli immigrati si porterà beneficio ai nostri cittadini italiani. Non uno contro l’altro, ma solo insieme. Ha creato benessere per tutti, riaperto la scuola, riattivato antichi mestieri che nessuno ormai faceva ma che erano la salvezza economica della Calabria dando lustro a quella terra, che così diventava famosa non solo per l’arte dei bronzi, ma anche per la forza dell’umano, oggi. Ha poi sempre mantenuto un atteggiamento collaborativo, pur dentro una forte spinta profetica, che lo portava a guardare ben oltre gli ristretti steccati del paese.

Confido nella magistratura perché possa far luce su tutta questa dolorosa vicenda. Sento però che tutto potrà essere chiarito se si spegneranno quei toni polemici di chi cerca non la verità ma la vittoria di opinioni personali interessate. E’ in gioco il bene comune del paese.

Chiedo alla politica di riflettere bene su questo “modello”, specie in questo momento di grandi battaglie, per evitare che in futuro il binomio tra sicurezza e migranti diventi negativo e di contrapposizione. I migranti, come si impara da Riace, sono una risorsa non un pericolo. Riattivano paesini che stanno morendo, come già constatiamo con tante trepidazione anche in Molise. Accoglierli con saggezza e con un buon piana di integrazione, specie insegnando loro la nostra bella lingua italiana, renderà più aperti i nostri cuori e le nostre città. Perché è vero quello che scrive papa Francesco, nella sua Evangelii Gaudium,   quasi descrivendo la piccola Riace: Come sono belle le città che superano la sfiducia malsana e integrano i differenti e che fanno di tale integrazione un nuovo fattore di sviluppo!(210).

E’ con queste parole di luce che affido al Signore questa sofferta vicenda umana e sociale, certo che il Signore aprirà nuove strade di speranza e di consolazione per tutti”.