Donne e uomini che aiutano le donne, la sfilata alternativa fa il botto

A Ripalimosani (CB) una serata benefica con una sfilata davvero originale permette di devolvere oltre 3000 euro all'oncologia del Cardarelli

spose

Un risultato in termini di presenza e di risultati davvero inattesi alla speciale sfilata che si è tenuta domenica scorsa a Ripalimosani (CB), dove i modelli erano gente del posto che si è prestata con impegno e simpatia all’evento.

All’invito proveniente da un nutrito gruppo di organizzatrici guidate dal vicesindaco e assessore alle Politiche sociali del Comune Annamaria Trivisonno il paese (e non solo) ha risposto in maniera grandiosa ed ha celebrato così al meglio la giornata in difesa delle vittime di violenza.

Realizzata grazie alla disponibilità di alcuni brand come Tezenis, Toroloco, Occhialeria De Rensis e Manuela Atelier, l’evento ha riempito letteralmente tutte le sale del castello, anch’esse offerte generosamente dai proprietari Perrone e Cianciullo.

E la soddisfazione si è moltiplicata quando al termine della serata il salvadanaio della solidarietà è stato rotto: più di 3000 euro il prezioso gruzzolo raccolto a scopo benefico al quale si aggiungeranno donazioni di aziende e privati in questi giorni. “I segnali forti di concreta solidarietà sono giunti da ogni fronte e da ogni età – racconta la Trivisonno – Abbiamo ricevuto materiali, spazi, prestazioni professionali, disponibilità massima da tanta, tantissima gente. E poi le offerte in denaro, cospicue, che ancora stanno giungendo e che ci permetteranno a breve di contare quanto abbiamo a disposizione per comprare belle parrucche alle donne in cura chemioterapica“.

E aggiunge: “Parlano i numeri: 8 torte e 34 muffin dati in cambio di offerte, 15 fantastiche pioniere che hanno organizzato la corazzata rosa, almeno 250 persone presenti, tanti uomini che si sono messi in gioco, infiniti i sorrisi dei bambini. Forti i messaggi lanciati…”.

E infatti i momenti di riflessione hanno voluto sottolineare non solo la vicinanza a tante donne in difficoltà ma anche di quanto sia capace il genere femminile davanti ad ostacoli che insieme si possono superare. Non è certo passata inosservata, infatti, la presenza in passerella di due donne senza capelli perché sono in cura al Cardarelli: bellissime, forti, positive e sorridenti, Giuliana e Alessia hanno coinvolto cuore e pensieri di tutti i presenti.