ESN Unimol, studenti in azione per creare reti di amicizia in Europa

Un’associazione di studenti universitari e non promuove e supporta gli scambi internazionali con eventi ed occasioni di amicizia con gli ospiti Erasmus

82
esn unimol

All’Università del Molise esiste ESN (Erasmus Student Network), un’associazione europea di studenti universitari e non, nata nel 1989 e legalmente registrata nel 1990 e attva in in Italia dal 1994, il cui scopo è promuovere e supportare gli scambi internazionali fra studenti, come il Progetto Erasmus. Il Progetto Erasmus (acronimo di European Region Action Scheme for the Mobility of University Students), è un programma di mobilità studentesca dell’Unione europea, creato nel 1987.

Grazie al Progetto Erasmus, il cui nome deriva dall’umanista Erasmo da Rotterdam che tanto viaggiò in tutta Europa per studiare e comprendere le diverse culture europee, viene data la possibilità a uno studente universitario europeo di effettuare in una università straniera un periodo di studio legalmente riconosciuto dal proprio ateneo. L’obiettivo principale di ESN è, appunto, promuovere l’integrazione sociale e personale degli studenti. I volontari attivi all’interno del network sono oltre 1700 e sono distribuiti su 54 sezioni locali, fornendo servizi a circa 20.000 studenti stranieri ogni anno. Si forniscono aiuto, direttive e informazioni sul programma, si organizzano gite, feste, tour nelle città in cui si vive e attività per promuovere l’integrazione europea.

Sono diversi gli eventi nazionali in Italia:

-la Piattaforma Nazionale (PN), ossia l’incontro di tutte le sezioni italiane e del Board italiano che si tiene circa 4 volte l’anno: si discute dell’attualità e di tutti i vari eventi ESN. Quest’anno si è tenuta a Bari a marzo, si terrà a Reggio Calabria a giugno e ad ottobre a Salerno;

– l’Incontro Culturale Erasmus (ICE) cioè l’evento di scambio a Roma, si tiene nel mese di Novembre. Tutte le sezioni si incontrano a Roma per trascorrere un fine settimana nella capitale svolgendo attività culturali all’interno della città e partecipando a serate che la movida romana propone;

– l’Evento Nazionale (EN), è l’evento di socializzazione a cui sono invitati studenti stranieri ospiti di tutte le università italiane. Quest’anno si svolgerà dal 3 al 6 Maggio a Firenze;

Antonella Mantuano, presidente di ESN Unimol, è una studentessa dell’Unimol, originaria di Lucera (Foggia) e si è appena laureata Scienze del Servizio Sociale e Politiche Sociali. Con lei approfondiamo l’argomento, a partire dalla sua esperienza personale.

Antonella, come mai hai deciso di intraprendere l’esperienza da presidente?  

L’esperienza da presidente è capitata un po’ per caso. Con altri ragazzi ho dato vita ad Erasmus Unimol e tra i vari ruoli quello di presidente era il più adatto a me, anche se gli altri da subito mi hanno assicurato il loro supporto sin da subito, in quanto è una carica che richiede tempo. E così è stato sempre. Ho raccolto grandi soddisfazioni, nonostante le responsabilità.

Che riscontro ha il programma in Molise, che è comunque una piccola realtà?

Il Molise è una piccola regione, sicuramente, ma se proviamo a vederla da un altro punto di vista ci rendiamo conto che l’arrivo di ESN in Molise, che opera su Campobasso, Pesche e Termoli, è stato una novità un po’ per tutti, sia per chi studia qui, sia per gli Erasmus in mobilità. Quindi la nostra prima esperienza, quella del 2017, è stata accolta con grande partecipazione e devo dire che sono molto soddisfatta. Abbiamo organizzato molti eventi, i partner nel tempo sono aumentati e sul territorio ci stanno conoscendo.

Quanti Erasmus in mobilità sono presenti nella vostra Associazione?

Nel primo semestre abbiamo avuto 30 Erasmus e nel secondo semestre sono arrivati altri 30. Essendo l’unica organizzazione di riferimento per loro in Molise lavoriamo in stretta collaborazione con il settore Relazioni Internazionali, con i referenti d’ateneo su tutte e tre le sedi.

Con quali criteri proponete i vostri eventi?

Cerchiamo di unire la parte ludica alla parte culturale perché proponendo solo attività culturali non si riscontra una grande attenzione. Per esempio la Caccia al Tesoro, che aveva lo scopo di far conoscere il centro storico della città e i suoi monumenti, è stata realizzata attraverso un city-tour che ha mostrato luoghi ricreativi luoghi culturali. Unendo le due cose abbiamo riscontrato una particolare partecipazione e dei feed-back positivi. Inoltre abbiamo organizzato pullman per altri eventi Erasmus o viaggi culturali come a Foggia, Caserta e Napoli, mete molto gettonate dai nostri ospiti. E poi feste settimanali anche a tema al Mama’s di Campobasso oppure il Welcome party, il Closing Party e il Campobasso Spring Break, tutte manifestazionin aperte a tutti gli studenti per far sì che si conoscano. Noi ce la mettiamo tutta, la risposta c’è e speriamo che continui a crescere.

Articolo a cura di Natascia Testa