Che fine faranno le nostre emozioni?

E se dopo l'intelligenza artificiale anche le emozioni potrebbero essere rappresentate dalle macchine?

Le emozioni danno significato alle relazioni umane. Impossibile pensare ad un mondo senza emozioni. Chissà se Turing, padre della cibernetica, aveva previsto tutto ciò. Le intelligenze artificiali influenzano i nostri pensieri, le nostre giornate e i nostri legami. Le tecnologie di ultima generazione ci aiutano, giorno dopo giorno, a risolvere i problemi che fino a pochi anni fa erano impossibili anche solo da immaginare. Si può affermare che l’Intelligenza Artificiale supera a tutti gli effetti le prestazioni cognitive umane. A quanto pare l’intelligenza artificiale può analizzare e comprendere addirittura i sentimenti ma, per quel che sappiamo, non è in grado di esprimere delle emozioni. Ma sarà per sempre così oppure dobbiamo aspettarci qualcosa di nuovo?

Pare che l’Intelligenza artificiale emotiva sarà realtà nel giro di pochissimi anni. Stando alle parole di Marvin Minsky, pioniere dell’intelligenza artificiale, le emozioni non sono così diverse dai processi che chiamiamo “pensare”. Quindi, così come le macchine sono dotate di pensiero intelligente, così potrebbero essere in grado di esprimere emozioni attraverso tecniche di apprendimento autonomo come il machine learning.

Di questo si sta occupando l’Affective computing, ramo dell’Intelligenza Artificiale che si propone di realizzare dispositivi computerizzati in grado di riconoscere ed esprimere emozioni. Una nuova prospettiva che integra l’intelligenza artificiale classica con l’intelligenza emotiva. Il futuro è, quindi, proiettato verso lo sviluppo di intelligenze artificiali emotive: le aziende saranno in grado di integrare efficacemente l’empatia nelle loro nuove tecnologie. L’intelligenza artificiale sarà, quasi sicuramente, sempre più simile a quella umana.

La cosa da non sottovalutare è che l’Intelligenza Artificiale emotiva può avere implicazioni sociali e personali abbastanza forti, perché se da un lato l’Intelligenza Artificiale sarà la più importante conquista dell’uomo, dall’altro lato l’uomo che fine farà? Verrà “copiato” anche nelle emozioni, in ciò che ha di più intimo. Che ci piaccia o meno un’entità, che mostra un’emozione e suscita in noi una certa risonanza, influenzerà di molto le nostre vite.