L’unione fa la forza: cos’è un conto corrente condominiale e perché conviene

259
condominio

Le famiglie che abitano in condominio conoscono bene le difficoltà che possono emergere nella gestione economica di quest’ultimo. Alcuni interventi possono infatti avere dei costi notevoli e in casi simili è consigliabile usufruire di un conto condominiale, un conto corrente dedicato proprio alle entrate e uscite di tutti gli abitanti di uno stesso condominio. Quali sono i requisiti per aprirne uno e come farlo?

Quali sono i requisiti per aprirlo e chi può farlo?

Innanzitutto è bene specificare che il conto corrente condominiale è un obbligo che, per legge, appartiene a tutti i condomini. Non è affatto difficile aprirne uno: per capire come aprire un conto corrente condominiale può essere utile la guida fornita da Facile.it. Detto questo, quale soggetto è autorizzato ad aprirne uno? L’unica persona che può farlo è l’amministratore, agendo naturalmente sempre a nome di tutto il condominio e in presenza di una apposita delibera. In caso di cambio dell’amministratore non sarà necessario chiudere il vecchio conto e aprirne uno nuovo, in quanto l’intestatario è il condominio stesso.

In cosa consiste precisamente il conto condominiale?

Il conto corrente condominiale è un prodotto finanziario dedicato alla gestione di tutte quelle spese che rientrano nella gestione del condominio. Si tratta di un vero e proprio rapporto postale o bancario che può essere utilizzato per diversi movimenti in entrata o in uscita: il pagamento delle quote da parte dei singoli condomini, per esempio, ma anche delle utenze condivise, insieme alle cifre dedicate alle varie operazioni di pulizia e manutenzione. Tramite l’invio di rendiconti periodici, un conto condominiale permette di gestire in maniera dettagliata tutti i flussi condominiali con estrema chiarezza e trasparenza. Chi gestisce questo tipo di conto? Di regola l’amministratore di condominio, che fa da portavoce e garante di tutti i condomini.

Quali sono i vantaggi offerti da questo tipo di conto?

Il primo vantaggio del conto corrente condominiale riguarda i tassi percentuali, sicuramente più convenienti rispetto ad altre tipologie di conti. Inoltre, un conto di questo tipo permette di avere un bilancio condominiale più sicuro, chiaro, trasparente e a disposizione di tutti. I conti condominiali mettono anche al sicuro da possibili mancanze o sviste di amministratori poco attenti, oltre a consentire l’accesso a prestiti e mutui per eventuali lavori di ristrutturazione che richiedono somme ingenti. I conti correnti condominiali sono ormai obbligatori per legge e si rivelano quindi estremamente preziosi per la tutela e la sicurezza di tutti gli abitanti del condominio.