“Paesaggio e democrazia”, ancora aperte le iscrizioni alla Summer School targata Unimol

21
summer school

Sono ancora aperte le iscrizioni alla Summer School sul paesaggio intitolata a Emilio Sereni, il più importante storico del paesaggio agrario italiano, che si svolgerà dal 28 agosto al 2 settembre presso la sede dell’Istituto Alcide Cervi a Gattatico – Reggio Emilia sulla base di una convenzione tra lo stesso Istituto, l’Università del Molise e altri undici atenei italiani. Si tratta di una delle più significative esperienze formative sul paesaggio, che richiama studiosi afferenti a diverse discipline e operatori impegnati nei campi della scuola e della formazione, dell’amministrazione pubblica, dei musei e del territorio.

L’edizione di quest’anno, dal titolo “Paesaggio e democrazia“, si pone l’obiettivo di esaminare le dinamiche del paesaggio, in particolare dei territori rurali, in relazione al governo delle sue trasformazioni e al valore culturale e civile dell’impegno paesaggistico. Una sessione finale si terrà a Caldarola (Macerata) e sarà dedicata al tema “Ricostruzione, paesaggio e democrazia” con studiosi e amministratori che si confronteranno sulla rigenerazione paesaggistica e democratica nei territori del terremoto.

La Scuola è diretta dal prof. Rossano Pazzagli, docente di storia del territorio e dell’ambiente nel nostro Ateneo, che inaugurerà i lavori insieme alla presidente dell’Istituto Cervi, senatrice Albertina Soliani, e al noto antropologo francese Marc Augé che terrà la lectio magistralis di apertura. Durante le giornate di studio, lezioni, seminari, mostre, laboratori e visite presenteranno il paesaggio come ambito dal quale osservare la qualità della politica e della democrazia. La Scuola si rivolge in particolare a docenti, studenti e dottorandi, come pure ad amministratori, pianificatori, tecnici, funzionari del territorio e delle pubbliche amministrazioni e si propone concretamente come snodo fra ricerca, scuola, cittadinanza attiva e governo del territorio.

“Una opportunità in più – sottolinea il prof. Rossano Pazzagli – per sviluppare la conoscenza del paesaggio come patrimonio culturale e civile e come risorsa per ridare slancio all’Italia rurale, di cui i contesti regionali come il Molise possono essere considerati l’emblema”.

La Summer School prevede l’acquisizione di crediti professionali e universitari.