All’Oktoberfest di Ripalimosani vince la collaborazione. Stasera si chiude

Gran successo per l'evento che chiude i battenti stasera. Tutti i bar chiusi dalle 20.30 per proporre insieme, rigorosamente in piazza, la manifestazione gastronomica

1002
All’Oktoberfest di Ripalimosani vince la collaborazione

In piazza, assolutamente in piazza, per ritrovare la voglia di stare insieme come un tempo. Ha raccolto grande consenso l’Oktoberfest organizzato dall’Assobar, l’associazione composta da tutti i bar di Ripalimosani che nella collaborazione hanno volpiazza-oktoberfestuto trovare una via d’uscita alla crisi e alla ‘pigrizia’ che ha colpito la gente negli ultimi anni. E stasera si replica, dalle 20.

Nessuna concorrenza: tutti i locali del paese alle 20.30 hanno chiuso; il personale si è trasferito in piazza dove da due giorni è stato collocato un gazebo chiuso, nuovo e bello. “Ci siamo messi insieme per raggruppare le idee, le forze, le risorse e la voglia di fare – ci dice Antonio – uno dei gestori. Vogliamo riportare la gente in piazza; Ripa è stata sempre attiva, era punto di ritrovo anche per i Campobassani, ma negli ultimi anni, come accade anche negli altri paesi, alla difficoltà di spendere si è aggiunta la difficoltà di stare insieme”.

ragazze-oktoberfestUn gran successo. Con l’appoggio dell’amministrazione comunale Assobar sta cambiando il modo di gestire l’offerta in paese: ieri sera i tavoli, dove le ragazze in abito folk prendevano direttamente l’ordinazione, erano pieni. E il ricambio è stato continuo. Stinco, patate in varie versioni, crauti e wurstel hanno accontentato tutti i palati. Mentre la musica dal vivo ha reso ancora più simpatica una serata davvero diversa e sicuramente non l’ultima, ma una delle tante con cui Assobar vorrebbe inaugurare con i fatti una buona pratica e magari essere di esempio anche per altre comunità.

“Noi ce la stiamo mettendo tutta – aggiunge Jo, un altro dei gestori – chiediamo ai nostri compaesani di accompagnarci, di suggerire il modo di migliorare e di lasciar perdere le critiche inutili. Siamo parte della comunità, la nostra, quella di Ripa. Nello stare insieme abbiamo solo da guadagnarci. Tutti”.