Campobasso, ecco il calendario dei Misteri 2017

Sabato a Campobasso la presentazione del calendario dei Misteri 2017, con le fotografie di Roberto de Rensis e stampato in quattromila copie numerate, è alla ventesima edizione

1890

Il 2017 ci attende, è ormai dietro l’angolo, e questo è il periodo delle presentazioni dei calendari fotografici dedicati a personaggi, luoghi storici o a tradizioni popolari e religiose. Avere un calendario fotografico appeso sulla parete del soggiorno o della propria camera è un modo per avere qualcosa che faccia compagnia durante l’anno, sono foto che stanno lì a scandire i giorni e i mesi. Guardare le fotografie, quando sono stampate, in una epoca in cui tutto è digitale, ci emoziona ancora. Quando un’immagine è impressa su una carta o su un foglio, così come su un calendario, non può lasciarci indifferenti.
A Campobasso, sabato pomeriggio, sarà presentato il calendario 2017 dei Misteri con le fotografie di Roberto de Rensis. Gli scatti presenti nel nuovo calendario raccontano la spiritualità, la religiosità, il fascino, ma anche tutto quello che c’è dietro alla tradizionale festa dei Misteri che ogni anno, nella domenica del Corpus Domini, anima le vie di Campobasso offrendo uno spettacolo incredibile. I Misteri sono una delle più affascinanti tradizioni popolari e religiose del Molise: sono fede, emozione e senso d’identità per tutta la gente del capoluogo. Tantissime, a dire la verità, sono le persone che arrivano da fuori ad assistere alla sfilata degli ingegni processionali ideati dallo scultore Paolo Saverio di Zinno nel XVIII secolo, a dimostrazione della grande partecipazione di tutta la regione.
Il calendario 2017, merito dell’Associazione Misteri e Tradizioni di Campobasso, è il ventesimo che viene realizzato dal 1998 e, ad oggi, è diventato un vero e proprio oggetto di culto per i molisani nonché il calendario più longevo che continua ad essere prodotto a Campobasso.
Stampato in quattromila copie numerate, ricco di foto di significative, sarà presentato il 3 dicembre nella sala degli Ingegni “Cosmo Teberino” al Museo dei Misteri.