SABBATUCCI ILLUSTRA LA GRANDE GUERRA

174
SABBATUCCI ILLUSTRA LA GRANDE GUERRA

Chiusura del ciclo di incontri per le commemorazioni del centenario della Grande Guerra con il prof. Giovanni Sabbatucci, uno dei maggiori studiosi italiani del fascismo e del novecento. Sabbatucci ha intrattenuto la platea accorsa al palazzo ex gil di Campobasso nel pomeriggio di sabato, con una lectio magistralis molto articolata dal titolo “La Grande Guerra e il Tramonto dell’Europa”: dalle cause e dalle responsabilità fino ai nuovi scenari successivi al conflitto mondiale e la conseguente perdita di rilevanza assoluta dell’Europa nello scenario internazionale. Interessanti anche le riflessioni di più ampio respiro, come quella che invita a considerare in una sorta di continuità i due grandi eventi bellici mondiali con la definizione di guerra dei trenta anni, precisamente di trentuno, per il periodo che va dal 1914 al 1945. A seguire, si è tenuto un dibattito di approfondimento incentrato sul tema “Il XXI secolo e la fine della centralità dell’occidente” coordinato da Antonio Ruggieri, con interventi anche del Mons. Giovanni Ricchiuti, presidente Pax Christi Italia, e del giornalista Roberto Colella. “Il ‘900, il Molise e la Grande Guerra”, ha visto la partecipazione di diversi importanti ospiti, affrontando la Grande Guerra non solo da un punto di vista storico e politico, ma anche analizzando gli aspetti di tipo sociale e culturale con la proiezione di molti raffinati film a tema, grazie alla collaborazione di MoliseCinema. Nella serata di sabato, per il gran finale, è stata la volta di “Torneranno i prati” di Ermanno Olmi, liberamente ispirato al racconto del 1921 di Federico De Roberto “La paura” e ambientato nelle trincee sull’Altopiano di Asiago, durante appunto la prima guerra mondiale.