“Il Viaggio”, arriva al Cinema Maestoso di Campobasso il film targato Molise

336
film il viaggio

Arriva nelle Sale del Cinema Maestoso in Campobasso (dal 10 al 16 maggio) il film Il Viaggio, dopo le proiezioni nei cinema di Sulmona, Isernia, Castel di Sangro, Agnone, Lanciano, San Severo, quindi Caserta, Roma, Milano. Un titolo che è una sorta di mantra carico di segni e intenti: parte da lontano, questo lavoro cinematografico targato Molise.

Oltre cinque anni fa, a una prima ideazione di Maurizio Santilli – nata proprio viaggiando sul treno storico che ripropone il percorso sulla linea Carpinone Sulmona –  seguì la produzione di un corto quindi una passione, una volontà che non mollano, da parte del team che ha collaborato su questa idea, ha portato alla pellicola.  La saggia regia di Alfredo Arciero, che ha curato con Alessio Billi la sceneggiatura, l’ideazione del soggetto di Santilli, la produzione della INCAS di Roberto Faccenda, il cast di attori quali Fabio Ferrari, Daniela Terreri, Maurizio Santilli, Angelo Orlando, Gaetano Amato, Sergio Sivori, Marco Caldoro, Danila Stalteri, Palma Spina, Diego Florio, Barbara Petti, Angela Pepi compongono il puzzle di un successo.

Il film, che ha vinto premi e segnalazioni di merito in Festival nazionali ed esteri, propone una lettura tra il fuori e il dentro dei personaggi in osmosi emozionale e di pensiero con la natura, uno scandaglio che punta l’attenzione sui valori ineludibili dell’umanità e del sano intreccio con paesaggi e territorio. Sono sei gli interpreti principali del film: l’imprenditore fallito, l’enologo in crisi, il politico, l’attrice, la professoressa, il macchinista, che nello svolgersi fisico e ideale/ metaforico del film tra soste, partenze, incontri e arrivi, ri-trovano il senso delle loro esistenze. Ad essi si può aggiungerne un altro personaggio, il paesaggio molisano, quello che fiancheggia lo storico tratto ferroviario della Carpinone- Sulmona, con affaccio su luoghi che diventano scoperta del bello e del buono anche come invito ad una possibile scelta di autenticità, di interiore bellezza e di forza nelle scelte.