MOLISE NELLA TOP TEN PER CONSUMO DI DROGHE

194
MOLISE NELLA TOP TEN PER CONSUMO DI DROGHE

Delle droghe e dei problemi legati al loro uso e abuso evidentemente non si parla mai abbastanza. Oppure non si riesce ad essere abbastanza incisivi nel far comprendere i rischi a cui si va incontro consumando sostanze stupefacenti. Perché se di fronte all’evidenza delle conseguenze portate agli onori della cronaca quotidianamente non si arresta di un passo il consumo di droghe, evidentemente c’è qualcosa non va. Non si comunica in modo efficace o c’è ancora troppa superficialità nella ricezione del messaggio? Sono di questi giorni le notizie di decessi lampo legati all’assunzione di droghe sintetiche e di conseguenti decisioni, più o meno condivisibili, di chiusure di locali famosi. E ovviamente quando la notizia fa rumore i media sono più prodighi anche nella diffusione di dati. È di ieri un articolo de La Stampa che lancia l’allarme per la diffusione sul mercato delle droghe di 700 nuove molecole che combinate tra loro danno origine a nuove sostanze dagli effetti pericolosissimi. Soprattutto per i giovanissimi che sarebbero tra i principali consumatori di droghe sintetiche. Ma il dato veramente allarmante è quello riguardante l’età degli assuntori di sostanze: 12 anni. È questa l’età in cui, spesso, ci si inizia al consumo. Dice l’esperto sentito dal quotidiano nazionale “gli effetti mortali delle pasticche spesso riguardano proprio i giovanissimi che hanno un metabolismo che li mette più a rischio. Non c’è più la percezione della dipendenza. I ragazzini non hanno questa paura, hanno assimilato l’idea che si riga dritto per cinque giorni alla settimana e poi il week end ci si concede lo sballo”. E nella nostra regione come vanno le cose? Male. Il Molise infatti si attesta nei primi posti per numero di tossicodipendenti trattati, assieme a Liguria, Basilicata, Sardegna, Marche e Toscana. Triste primato dunque per il piccolo Molise.
L’articolo de La Stampa