Nutella Day…si celebra oggi il più potente antidepressivo del mondo

nutella

Sono diverse le teorie su quale sia il modo migliore per consumare nutella: su una fetta di pane fresco voto 8, su una brioche calda voto 9, ma è sul cucchiaio che la Nutella raggiunge il massimo del suo potere consolatorio, anti tristezza e di sublimazione del suo gusto a metà strada tra paradiso e orgasmo culinario.

Una vecchia reclame recitava “che mondo sarebbe senza Nutella” e in effetti per noi super golosi sarebbe sicuramente un mondo con meno calorie e successivi sensi di colpa, ma anche un mondo più triste perché non è semplicemente una crema di nocciole, assolutamente no. E’ una di famiglia, è la prima in cima alla lista della spesa, è la scusa per coccolarsi dopo le piccole fatiche quotidiane.

Qualche giorno fa un bambino in un supermercato chiedeva ad un cassiere “scusi dov’è la Nutella”. Un quattrenne oggi inizia dalla Nutella a rivendicare la sua autonomia di spesa. Ad ogni modo mettendo da parte la golosità, bisogna riconoscere quando la Nutella rappresenti un impero globale, uno dei simboli di italianità nel mondo. Del resto regge la piazza dal 1964…mica poco!

Che dire, grazie signor Ferrero per aver realizzato cotanta leccornia e un invito: potreste incrementare leggermente anche la produzione di Nutella Biscuits…qualcuno di noi è rimasto a secco!