Wanderlust, la sindrome della valigia sempre pronta

Ci sono persone che non riescono a gestire la voglia di conoscere gente, cibi e porti nuovi. Parlano sempre di voli low cost e nuove app. Questi sono i classici sintomi del “wanderlust”, la cosiddetta sindrome del viaggio.

409
TIROCINI RETRIBUITI AL CENTRO EUROPEO DI LINGUE MODERNE IN AUSTRIA

“Wanderlust”: viene chiamata così la sindrome di chi ha bisogno di viaggiare di continuo. Colpisce coloro che hanno l‘irrefrenabile impulso di partire, che amano fuggire in qualunque luogo del mondo e chi, per diletto o lavoro, è sempre alla ricerca di angoli nuovi. Per qualcuno non è una malattia, ma una vera e propria ossessione o un modo per sfogare le proprie insoddisfazioni quotidiane. Persone con la sindrome del bisogno di viaggiare sono molto più propense degli altri ad affrontare i rischisperimentare le novità, assaggiare cibi diversi e avere più relazioni sociali. Sebbene si parli di “malattia”, in realtà si tratta di una sana voglia di scoprire l’ignoto e di vedere cosa c’è al di fuori dei propri luoghi abituali. Chi sente l’impulso di viaggiare sempre, naviga spesso su internet alla ricerca di siti specializzati sui viaggi, va alla ricerca di voli o treni economici ed offerte di qualunque tipo. Sul cellulare non mancano app di compagnie aeree, hotel e mappe da usare anche off-line. Nella libreria di un vero Wanderluster spiccano guide turistiche, libri e manuali di viaggio, cartine e mappe, quasi sempre in casa c’è un mappamondo o un planisfero. Chi non ha la passione dei viaggi e non ama particolarmente spostarsi anche solo per l’weekend, solitamente ha una valigia impolverata nella cantina di casa. Coloro che, invece, hanno l’impulso irrefrenabile di partire hanno sempre un trolley o uno zaino sotto il letto, pronto per essere riempito velocemente. Sulla tv di casa film o documentari sul Mondo. Coloro che desiderano vedere il mondo scelgono quasi sempre programmi televisivi che parlano di viaggi, sono amanti dei documentari e guardano film ambientati in luoghi particolari della Terra come l’Africa o l’Alaska, per viaggiare con la fantasia e prendere spunto per un nuovo itinerario.
Chi soffre di Wanderlust ha molti amici sparsi un po’ ovunque; solitamente in qualunque viaggio, breve o lungo che sia, queste persone fanno nuove conoscenze, stringono rapporti e con la scusa di andare a trovare gli amici partono nuovamente. Chi presenta la sindrome del bisogno di viaggiare, appena guadagna qualcosa decide di “investirlo” per partire, non ha importanza il luogo, l’importante è fare la valigia e andare.