Giuliana Modà, quando le amicizie si coltivano con spazzola e phon

giuliana moda ok

Quando nel mestiere si gettano le proprie aspirazioni, la propria creatività e soprattutto il piacere di fare qualcosa di positivo per gli altri allora il risultato del lavoro ne guadagna. Così è per Giuliana Blanco, in arte Giuliana Modà, che a San Giuliano di Puglia, paesino del basso Molise noto alle cronache per un terremoto infanticida, ha gettato fatiche e passione.

La sua voglia di novità, dell’ultimo grido, della tecnica o del trattamento più curioso ed eclatante (come il phon che taglia i capelli…) a dire il vero stridono un po’ con le dimensioni e la mentalità dell’ambiente in cui lei si dà da fare. Non è solo San Giuliano di Puglia: i paesi del Molise non sono propriamente all’avanguardia e direi che forse non ne hanno neanche così bisogno. Saranno la dimensione e la densità di popolazione assai ridotte, sarà che i pochi centri più grandi (cosiddette cittadine) rispetto alla media nazionale sono molto, molto piccoli… Però ogni tanto ci si imbatte in qualche pezzetto di mondo che, in un settore o nell’altro, ha voglia di andare più veloce, di respirare cose diverse, di osare.

Giuliana è così. E’ spontanea, curiosa e compagnona. E per divertirsi con il suo lavoro ha anche proposto e realizzato iniziative per la sua comunità, che lei ama profondamente. Ha realizzato sfilate di moda con abiti d’epoca e splendide acconciature, offrendo momenti di bellezza insieme a bellissime ragazze del posto. Iniziative pensate non per superare qualcuno o dimostrare qualcosa, ma per il solo piacere di farle. Per il gusto del bello fatto bene, per l’insostituibile piacere dello stare insieme con contenuti interessanti.

Nel suo salone lei esprime la sua competenza, ma anche la sua voglia di stare a contatto con persone belle fuori e belle dentro. E così c’è chi fa chilometri per farsi fare un trattamento, ma anche per fare due chiacchiere spassionate, per farsi coccolare un po’. E la cosa più bella è percepire quanto lei apprezzi la visita più che la richiesta del servizio, che comunque viene prestato, quasi in sordina, nel migliore dei modi.