Destinazione Molise. Uno show cooking per far conoscere i prodotti del consorzio

311
consorzio show cooking

Due cuoche amatoriali esperte in tecniche di cottura, un consorzio con alimenti naturali e rigorosamente locali e genuini, una “casetta” espositiva come ritrovo, un pubblico femminile curioso di gustare piatti tipici e di conoscere sistemi di cottura alternativi. Sono gli ingredienti del primo show cooking organizzato dal Consorzio Destinazione Molise in collaborazione con Il Colibrì nella sede riaperta al pubblico che si trova nella zona industriale di Ripalimosani, sulla provinciale per Campobasso (di fronte MeCa Poce).

casetta consorzioUn evento tutto al femminile dove a cucinare mostrando le proprietà dei coperchi Magic Cooker c’era Vittoria, di Campobasso, e a spiegare caratteristiche tecniche e soluzioni inaspettate c’era Esther, la rappresentante di zona dell’azienda, proveniente da Lentella, Abruzzo.

L’idea è nata dalla necessità di promuovere novità in vari settori, ma anche di creare spazi di confronto e momenti piacevoli anche per il palato.

consorzio2Nel menù dei generosi assaggi (praticamente una cena) ha esordito la pasta realizzata con la farina Senatore Cappelli del mulino Cofelice (Matrice) con salsiccia di Giagnacovo (San Biase) e broccoli del contadino. Una polenta dorata di Melina Zurlo (Ripalimosani) è stata unita al gusto dei tartufi di Sabetta (Ripalimosani) e una pizza cotta in padella ma croccante come al forno è stata realizzata con pasta del Pane di Matrice (Petrella Laurino) e condita con pomodori caserecci e prodotti della Bottega dei latticini di Fieramosca (Campobasso).

Il tutto con un bel calice di vino Colle Sereno (Mogavero, Petrella). Prima del dolce (ciambella cotta sul gas grazie al coperchio magico) ecco la novità della serata: croccanti, fritti come patatine, e in carpaccio con tartufo, i topinambour di Angiola Ciarmela (Castropignano) hanno sorpreso tutte piacevolmente.

Mica male come prima serata gourmet del Colibrì! Perché l’intenzione delle organizzatrici è proporne altre, la prossima a metà maggio. Occasioni anche a tema, per creare un mix di saperi e di sapori, per cene speciali a costi superminimi, per far conoscere quanta roba buona c’è in regione e per creare sani momenti di gusto e di divertimento.

Che ne pensate? Gradite opinioni, idee e proposte.