Il Professore di Dallas, Giuliano Testa, diventa cittadino onorario di Cercemaggiore

Il professore italiano, Giuliano Testa, si posiziona tra le 100 persone più influenti al mondo secondo il Time: ha effettuato il primo trapianto di utero negli USA. Ottiene dal suo paese d’origine, Cercemaggiore, la cittadinanza onoraria.

133
prof testa

Il Comune di Cercemaggiore conferisce al Prof. Giuliano Testa la Cittadinanza Onoraria per i meriti ottenuti nell’ambito della Chirurgia e della ricerca scientifica. La sua ricerca arriva all’apice con un intervento chirurgico che compie assieme ad un team di 10 Medici e 100 infermieri.

Giuliano Testa è un chirurgo italiano: nasce a Roma, si laurea a Padova e attualmente si trova presso la Baylor University Medical Center di Dallas, è famoso in tutto il mondo per essere a capo del team che realizza il primo trapianto di utero negli USA, la cui ricevente, dopo essersi ripresa, riesce a dare alla luce un bambino.

L’operazione che lo rende così celebre ha come protagonista una donna alla quale è diagnosticata, dall’adolescenza, la sindrome di Rokitansky: è una rara malformazione congenita femminile cui consegue l’assenza di utero e tube. Nel 2016 incontra il dottor Giuliano Testa, esperto in trapianti di reni e fegato; egli riunisce un team di esperti per una sperimentazione clinica e questa donna è una delle 10 donne selezionate per partecipare. Alcuni mesi dopo ottiene un trapianto di utero funzionante, il primo negli Stati Uniti.

Grazie a questo suo intervento la rivista “Time” inserisce il Prof. Testa tra le 100 persone più influenti al mondo; ricordiamo che tra queste 100 persone si trova un’altra eccellenza italiana, ovvero l’astrofisica Marica Branchessi.

La sua è una famiglia di emigranti, afferma il Professore, ma il legame con Cercemaggiore è sempre stato stretto, è il paese di suo nonno e di suo padre e sia lui che il padre non hanno mai dimenticato il piccolo borgo molisano. Cercemaggiore rappresenta, per lui e la sua famiglia, il posto in cui tornare per poter assaporare attimi di pace e di tranquillità.