La Giornata dell’ emigrazione molisana nel mondo, è atteso anche Elio Germano

La Giornata dell'emigrazione molisana nel mondo, organizzata dalla presidenza del consiglio regionale del Molise, si terrà domani all'auditorium “Unità d'Italia” di Isernia

733
giornata emigrazione

Il Molise, terra d’emigrazione per eccellenza, dedica proprio ai tanti cittadini che hanno lasciato la loro terra una giornata speciale. La “Giornata dell’ emigrazione molisana nel mondo”, organizzata dall’ufficio di presidenza del consiglio regionale del Molise in collaborazione con l’assessorato dei molisani nel mondo, si terrà domani 6 dicembre all’auditorium “Unità d’Italia” di Isernia. L’amore per questa piccola terra la farà da padrone per un momento ufficiale di condivisione, riconoscimento e di valorizzazione di persone e gruppi.

elio germanoSarà la giornata dell’orgoglio molisano nel mondo e, come ospite d’eccezione, è atteso l’attore  Elio Germano, nato a Roma nel 1980 da una famiglia originaria di Duronia. Considerato come uno dei migliori attori italiani, vincitore di tre David di Donatello, Germano ha da da poco interpretato San Francesco nel film di produzione franco-italo-belga diretto da Renaud Fely e Arnaud Louvet. L’evento di domani ha un programma molto ricco: alle 17 il via al percorso sul tratturo della transumanza, viaggio nella cultura tipica fatta di gusto, artigianato, arte e tradizione che aprirà la kermesse ai visitatori.

Osvaldo Bevilacqua di Sereno Variabile presenterà il suo libro “Italia nascosta” poi  inizierà la manifestazione che verrà trasmessa in diretta dalle televisioni molisane sui canali digitali 11, 12, 13, 14 e 601 e in diretta satellitare in tutto il pianeta.

Condurrà Maurizio Santilli, attore molisano che presenterà anche la consegna delle onorificenze di “Ambasciatore del Molise nel mondo” a quattro molisani che si sono distinti in Italia e nel mondo. Verranno inoltre premiati singoli ed aziende che hanno saputo portare alto il nome del Molise nel 2016.

Riconoscimento speciale alla dottoressa triventina assassinata in Africa, Rita Fossaceca, già insignita della medaglia d’oro dal presidente della Repubblica. Spazio anche alle scuole e ad artisti che si sono fatti onore dentro i confini nazionali e soprattutto fuori.