Lotus, le donne iraniane e quel velo tanto discusso. A Cassino il medio metraggio

23
donne iraniane

Un tema di forte interesse culturale e sociale, che fa ulteriore chiarezza sulla condizione della donna iraniana vista attraverso la lente dei media,  è l’incipit del medio metraggio ideato e realizzato da HatefehMajidi, giovane regista iraniana che ha studiato cinematografia in Italia, con la collaborazione di Egle Trento, aiuto regista.

Lotus le donne iraniane: un viaggio attraverso i media italiani fino all’Iran il titolo del mediometraggio che pone l’attenzione sulle opinioni di donne iraniane intervistate sia in Italia sia in Iran riguardo alla loro condizione/situazione nei confronti del “ velo”anche per far emergere una realtà spesso distorta o troppo standardizzata dai mezzi di comunicazione.

Il docu-film verrà proiettato il 29 maggio  dalle ore 10.00 nell’Aula Magna Folcara- Università degli studi di Cassino– e darà vita ad un convegno a cui interverranno il rettore Giovanni Betta, Loriana Castellani direttrice del Dipartimento scienze umane sociali e della salute, introduzione di Fiorenza Taricone docente di Storia delle Dottrine politiche Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale, Daniela Arpino presidente Associazione culturale A. Legaccio,  Tiziana Ciavardini, giornalista e antropologa culturale, Chiara Egle Trento film maker e aiuto regia, Giovanni De Vita, docente di Antropologia culturale.

L’evento è promosso dall’UNICLAM Università di Cassino e del Lazio meridionale e dal Lad Laboratorio Antidiscriminazione di cui è responsabile la professoressa Fiorenza Taricone. L’organizzazione dell’incontro è  curata da Adele Gentile.