“Trignolata” di Bagnoli, tutto pronto per la VII edizione

Da sette anni, l’evento unisce natura e benessere, storia, territorio. In questa edizione, saranno presentati i nuovi risultati della ricerca sulle potenzialità antitumorali del “Trigno M”.

Da sette anni è un evento riconosciuto nel calendario autunnale: circa mille persone hanno preso parte finora alla “Trignolata”, nome proprio e originale della giornata-evento da trascorrere parte in campagna, nella raccolta collettiva delle drupe di Prunus Spinosa che crescono nell’areale di Bagnoli e parte “in aula”, nella sala convegni della Domus Area, per apprendere direttamente dai massimi esperti le novità sulla ricerca – avviata anch’essa sette anni fa – che ha permesso di avere una serie di conferme, molto importanti, sulle potenzialità antitumorali dell’integratore “Trigno M”. La sperimentazione è ad una fase importante – quella definita “in vivo”, che sta confermando quanto già emerso dagli studi in vitro. In particolare, sui tumori del colon.

Lo studio – denominato “Anticancer activity of “Trigno M” – extract of Prunus spinosa drupes, against in vitro 3D and in vivo colon cancer models” – è stato pubblicato su una rivista internazionale lo scorso luglio e viene presentato per la prima volta in pubblico direttamente dalla Prof. Stefania Meschini, responsabile del team dell’Istituto Superiore della Sanità che sta curando la ricerca con metodi rigorosissimi. Dalle 9.30 (le 11.00 in caso di maltempo) sarà illustrato il percorso scientifico di approfondimento sul composto, la cui formula brevettata parte proprio dalle drupe raccolte nell’areale di Bagnoli.

Nella stessa giornata, sarà presentata anche un’altra novità. “Leggera” in apparenza, ma importante per gli addetti del settore: il primo “sloe Gin” tutto molisano in cui le drupe di prugnolo “Trigno“, sono il segreto del sapore e del colore di un liquore inedito, che sarà presentato in anteprima. Il Gin, particolarmente apprezzato da barman professionisti affiancherà i già noti “Trignolino” e “Grappigno” e sarà presentato dal bartender e docente professionale Charles Flamminio. A completare la giornata, un pranzo facoltativo ma su prenotazione al ristorante “Calice Rosso”, interamente caratterizzato alle piante officinali ed in particolare dal trigno, raccolte nell’area circostante l’abitato e firmato dal rinnovato team di chef da sempre ispirati dalla natura e da scelte originali ad essa legate in cucina.

In caso di cattivo tempo, le attività al coperto si svolgeranno regolarmente, ovviamente non sarà possibile procedere alla raccolta in campo. L’evento è promosso dal Centro Studi e Ricerche Cosmo de Horatiis e dal Cenacolo Culturale del Calice Rosso. Per informazioni, è a disposizione la segreteria organizzativa al numero 0874-870256. Le iscrizioni potranno essere effettuate sul sito www.plantatour.it o telefonando al numero 0874-870510.