AFFITTO UNA CASA, MA QUANTO MI COSTA?

97
STANZE PER STUDENTI, VIAGGIO TRA GLI AFFITTI

Nonostante la profonda crisi economica che ha colpito e, purtroppo, colpisce ancora il nostro Paese, il settore del mercato “affitti” si mantiene costantemente alto, e cresce (anche se di poco) soprattutto nelle grandi città.
Sono, infatti, parecchi gli italiani che incontrano serie difficoltà nel richiedere un mutuo.
I canoni del mercato immobiliare, dopo una breve discesa sia della domanda che dell’offerta, hanno registrato nel mese di febbraio un rialzo dell’1,7% rispetto all’anno precedente.
Si pensa, dunque, che questo sia il periodo migliore per vendere e per essere disponibili alle compravendite.
In molte regioni italiane si rilevano piccole variazioni perché i numeri del mercato immobiliare crescono particolarmente in regioni con canoni medi più bassi della media nazionale e, per tale ragione, più sensibili ai mutamenti: il +5,9% del Molise, il +5,1% della Sicilia e il +4,4% di Calabria e Marche. Le regioni con prezzi in calo sono Campania (-2,9%), Valle d’Aosta (-2,3%) e Umbria (-1,7%).
Quali sono le città più care d’Italia per canoni di locazione?
A Milano servono all’incirca 620 euro al mese per affittare un monolocale, e fino a 1.200 euro per un trilocale. Firenze e Roma affiancano Milano sul podio con prezzi tra loro molto simili: circa 550 euro per un monolocale e tra i 900 e i 1.040 euro per un trilocale. A Torino e Genova affittare un monolocale significa spendere rispettivamente tra i 330 e 315 euro.
Troviamo, poi, Bolzano con 520 euro mensili richiesti per un monolocale, seguita da Siena, Venezia, Napoli, Bologna, Pisa e Como.
Fonte www.immobiliare.it