“AL TEATRO C’E’ VITA”, BUON COMPLEANNO AL SAVOIA

125
“AL TEATRO C'E' VITA”, BUON COMPLEANNO AL SAVOIA

Era il 3 aprile 1926 (sabato santo) quando con la rappresentazione di Tosca, opera di Giacomo Puccini, venne inaugurato il Teatro Sociale, poi divenuto successivamente Teatro Savoia con la proprietà della famiglia Colitti.
Compie novanta anni il teatro caro a tanti molisani, un compleanno che verrà festeggiato con un Open Day straordinario in programma domenica 3 aprile, che vedrà visite guidate per tutta la giornata nelle parti mai aperte al pubblico. Un’occasione unica per entrare nella rinnovata struttura (la riqualificazione e la ristrutturazione vennero concluse nel 2002) per ammirare da vicino gli splendidi affreschi di Arnaldo De Lisio, ma anche per scoprire i suoi segreti, le rinnovate attrezzature, la sua struttura liberty, i ferri battuti delle eleganti balaustre delle finestre e dei balconi e le lampade sul fastigio centrale; realizzate, le prime, da Giuseppe Tucci ed, i secondi, dal padre Nicola negli anni 1926/1927.
La giornata sarà anche l’occasione per ammirare da vicino un’opera realizzata da Arnaldo De Lisio, probabilmente mai esposta al pubblico campobassano, un omaggio proveniente da una collezione privata di Arpino, in provincia di Frosinone. Si tratta di “Allegoria delle tentazioni”, olio su tela di grandi dimensioni (220×240 cm).

“È certamente emozionante – affermano il presidente della fondazione Molise Cultura Antonella Presutti e il direttore Sandro Arco – scrivere di un Teatro che compie novantanni e che sembra aver avuto, nell’ultimo periodo, una grande nuova ed incredibile Stagione di vita e di frenetica attività. Non vi nascondiamo la grande soddisfazione, come Fondazione Molise Cultura, di aver portato avanti questi due anni circa con una continua “imbucata” di successi ed emozionanti situazioni che, oltre a riportare il Savoia agli antichi splendori, hanno immediatamente collocato la nostra comunità al centro dell’attenzione nazionale del Teatro italiano grazie ai grandi avvenimenti culturali, prodotti, vissuti e rappresentati qui, da noi. La musica, la danza, lo spettacolo dal vivo: il Savoia è sempre di più la loro casa. È rinato il nostro Teatro, grazie ai nostri abbonati, ai nostri spettatori, agli attori, ai tecnici, alle donne e agli uomini di cultura e a quelli semplicemente sensibili… il Teatro Savoia è rinato.”

“Nel 2015 abbiamo contato 36.042 presenze reali, con 138 aperture al pubblico. Nello gioire per la sua rinascita abbiamo voluto, il giorno del suo novantesimo compleanno, aprirlo ancora, spalancarlo e quasi presentarlo nella sua veste più intima, più nascosta. Abbiamo sognato di accompagnarvi sul palcoscenico, portarvi nel sottopalco, raccontarvi cosa vogliono dire i termini: tiro, macchina scenica, cantinelle, ballatoio, contrappesi, fondale, quinte, cieletti, inquadratura, mantegno, sagomatori, mixer audio, mixer luci, sipario, arlecchino, cambiacolori, gelatine colorate, prolunghe, sdoppi, rocchetti, tiro puntuale, sipario, microfoni panoramici introdurvi, quindi, nel linguaggio tecnico e raccontarvi degli spazi e, udite udite, presentarvi la parte artistica del nostro Teatro. Gli affreschi, le volte, i palchi, i velluti, gli stucchi, i corrimano, il ferro battuto e lavorato; parlarvi dello stile liberty mentre visitiamo il primo, il secondo, il terzo e il quarto ordine di palchi, i camerini. Insomma in questo luogo di incontro noi oggi festeggiamo 90 anni di emozioni dirette dove gli attori e i musicisti recitano e suonano sempre dal vivo. Al Teatro c’è vita!”

Gli orari delle visite guidate di domenica 3 aprile:
ore 10 – 13 / 17 – 20

Locandina