Educazione e tecnologia: imparare ad essere consapevoli fin da bambini

118
bambina tablet

Oggi la tecnologia fa parte del nostro tessuto sociale, così come il digitale: entrambi sembrano oramai esistere da sempre, al punto che spesso diventano qualcosa da dare per scontato. Quando però il discorso coinvolge i bimbi e il digitale, automaticamente le cose si fanno più serie: ci sono diversi aspetti da analizzare, dalla sicurezza dei bambini alla loro privacy, fino ad arrivare alle grandi opportunità in termini formativi. Internet e l’hi-tech possono dunque diventare una preziosissima risorsa per i giovani: a patto che vengano usati in modo corretto e coscienzioso, così da trasformare la tecnologia non in un ostacolo o pericolo ma in una opportunità.

Tecnologie per la didattica e dati di navigazione in Molise

Cresce la percentuale di bambini che naviga in Internet e che utilizza device di ultima generazione come smartphone e tablet. Questo implica una particolare attenzione verso l’uso consapevole dei device mobile. Fra l’altro, oggi anche le scuole utilizzano dispositivi come i tablet come strumento formativo per i giovanissimi: lo stesso dicasi di Internet e di piattaforme come WordPress. Naturalmente questi device possono essere usati per il medesimo scopo anche a casa: i tablet, ad esempio, sono ottimi per quanto concerne la didattica e i giochi formativi. Non a caso sono tantissime le famiglie che fanno un uso quotidiano di questi apparecchi, al punto che i principali operatori (es. Vodafone) hanno sviluppato offerte di navigazione in Internet appositamente per tablet. I dati della regione? Secondo il report ISTAT “Cittadini, Imprese e ICT”, in Molise il 53% dei bimbi dai 6 ai 10 anni naviga su Internet.

Pro e contro della tecnologia

La tecnologia e Internet diventano una preziosa occasione formativa per i piccoli. Purtroppo, però, un uso non monitorato può esporli a rischi di sicurezza e di privacy: basti pensare, ad esempio, al cyberbullismo. Per questo motivo, è bene che i genitori controllino sempre l’utilizzo che i bambini fanno dei device connessi a Internet. È necessario per instillare loro un’abitudine di consumo sana e con certe regole da rispettare. Regole che possono riguardare il tempo massimo di uso quotidiano, o le restrizioni su certi siti web o servizi.

Cosa fare a tal proposito?

Il primo passo è incentivare l’uso dei tablet e degli smartphone a scuola. In tal senso, esistono due schieramenti: ci sono i docenti a favore, e i docenti che invece reputano questi dispositivi una fonte di distrazione. In realtà tutto dipende dall’uso che ne viene fatto, ed è per questo che i bimbi vanno formati in primis sul corretto utilizzo. I device mobile devono dunque diventare una fonte di sapere e di istruzione, perché le potenzialità sono infinite.

La tecnologia, come detto, non è diretta responsabile degli svantaggi che le vengono attribuiti. Siamo sempre noi i responsabili del loro uso: dunque tocca a noi insegnare ai piccoli come usare le tecnologie e Internet in modo responsabile.