Premio Fasolino, Luca Moroni, campione italiano di scacchi, è il testimonial d’eccezione

35
luca moroni

Da poco più di un mese la Giuria tecnica sta valutando gli articoli, le foto e i video in concorso per la sesta edizione del Premio Pietro Fasolino. Un lavoro lungo e certosino che impegnerà i giurati nei prossimi mesi in un compito gravoso. Intanto iniziano a trapelare le prime novità relative all’edizione di quest’anno. Prima di tutto possiamo svelare il nome del testimonial d’eccezione che ha voluto legare il suo nome al Premio Pietro Fasolino.

Quest’anno è la volta del giovanissimo Luca Moroni, campione italiano assoluto in carica di scacchi, tra i più forti scacchisti al mondo. Luca con estrema simpatia e disponibilità ha accettato l’invito a lasciare un messaggio ai numerosi partecipanti, 200, al Fasolino. Luca ha già registrato il video che sarà proiettato all’interno della cerimonia di premiazione, video che siamo sicuri entrerà nel cuore e nelle menti soprattutto dei tanti studenti che hanno preso parte alla 6° edizione del Fasolino.

Altra novità di quest’anno è la cerimonia di premiazione che per decisione dell’organizzatore, il giornalista campobassano Stefano Venditti, sarà itinerante.

“Proprio nell’ottica della promozione e divulgazione sportiva da questa edizione la cerimonia di premiazione sarà itinerante. Ogni anno l’atto conclusivo del concorso si terrà presso una struttura sportiva o centro federale proprio per far comprendere a tutti quanti sia variegata l’offerta sportiva e formativa presente sul territorio regionale. Un modo diretto e coinvolgente per far conoscere anche e soprattutto i luoghi fisici dove si può praticare sport seguiti da istruttori federali. Quest’anno la cerimonia si terrà presso il Centro federale della FIB Molise che si trova presso l’impianto del Bocciodromo Comunale in via Insorti d’Ungheria a Campobasso. Ringrazio di cuore il presidente della FIB Molise, Angelo Spina, e tutti i suoi più stretti collaboratori per aver accettato di buon cuore la mia proposta. Non resta dunque che attendere le votazione della Giuria per organizzare quella che a tutti gli effetti è un’autentica festa della cultura sportiva a 360 gradi – ha spiegato Stefano Venditti –”.