LAVORO IN CAMBIO DI ESENZIONE TASSE, A MONTEFALCONE SI PUO’

236
LAVORO IN CAMBIO DI ESENZIONE TASSE, A MONTEFALCONE SI PUO’!

Motivo di orgoglio per l’amministrazione di Montefalcone nel Sannio che si mette in gioco con molto coraggio nell’attuare la pratica di “baratto amministrativo”.
Il baratto amministrativo è una pratica prevista dal decreto “Sblocca Italia”, al fine di sostenere le famiglie in difficoltà che oggi sono colpite da una profonda crisi economica. Lo strumento di sostegno consiste nell’esenzione o riduzione delle tasse amministrative a fronte di prestazioni nelle attività di rivalutazione del territorio: pulizie, manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano come previsto dalla legge dello Stato n. 164 del 2014. Il comune di Montefalcone nel Sannio ha approvato con delibera di Giunta l’attivazione della misura di intervento che presta attenzione alle fasce deboli. Un impegno che il Comune e il suo Sindaco, Gigino D’Angelo mettono in campo quotidianamente da anni. Il comune infatti conferisce il 20% del bilancio comunale, in tutti quegli strumenti di aiuto alle fasce disagiate, (ricordiamo le borse lavoro, gli interventi di pubblica utilità) e tutte quelle buone pratiche rivolte al Welfare e al sociale. Un segnale forte per la comunità e di esempio per le altre, in un momento storico difficile per l’Italia e per il Molise. Come afferma il Sindaco D’angelo, “Le richieste di aiuto delle famiglie che si recano al comune affermando di non riuscire a pagare i tributi sono aumentate, siamo di fronte al 50% rispetto al 20% dei precedenti anni. Il periodo di crisi sta soffocando le famiglie del nostro territorio, per questo motivo noi come Comune dobbiamo cercare di aiutare con i mezzi a nostra disposizione e con azioni concrete.” L’azione è partita e a breve si terrà un consiglio comunale dove verranno concretizzati i criteri e stabiliti i parametri di reddito per il “baratto amministrativo”.