RISCHIO MORTI SUL LAVORO, MOLISE AL TOP

113
morti sul lavoro

Oltre 1000 morti in 11 mesi nel 2015 (1080 per la precisione), da gennaio a novembre l’indice di rischio più elevato rispetto alla popolazione lavorativa viene registrato in Molise (100,5 contro una media nazionale di 35,7), seguono Umbria (61,4) e Basilicata (55,5).
E’ il triste bilancio delle vittime sul lavoro tracciato dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering su dati Inail che pone l’Italia in vetta alla graduatoria europea: settore costruzioni (117 vittime), attività manifatturiere (98 decessi) e trasporto – magazzinaggio (83) i settori più interessati dal fenomeno.
In valore assoluto le morti sul posto di lavoro nelle regioni d’Italia vedono la Lombardia in testa (115); poi ci sono la Campania (78), la Toscana (74), il Lazio (71), il Veneto (64), l’Emilia Romagna (62), il Piemonte (60), la Sicilia (55), la Puglia (52). E poi ancora: le Marche (26), l’Abruzzo (25), l’Umbria (22), il Trentino Alto Adige (18), la Liguria (17), la Calabria (16), il Friuli Venezia Giulia (13), la Sardegna (12), il Molise e la Basilicata (10).
Tra i 45 e i 64 anni l’età della maggior parte delle vittime.

Leggi di più