Servizi alle persone sole, la Fondazione Anchise e la rete del mutuo aiuto

Sostegno agli anziani e disoccupazione si fondono nel mutuo aiuto. Gli obiettivi del gruppo

116
giovani e anziani

Ci sono i valori della solidarietà, della cultura e della memoria nelle corde della fondazione Anchise Onlus, una realtà che punta molto al rapporto tra giovani e terza età per rivalutare sentimenti e gesti che non ci sono più. Ed è proprio sulle azioni che fanno bene ad entrambe le categorie, giovani e anziani, che punta il gruppo di Colle D’Anchise nelle sue proposte progettuali, caratterizzate da momenti di approfondimento e di confronto, ma anche da iniziative rivolte alle fasce deboli. Così è nata l’idea di una rete di giovani che si mettono a disposizione per l’associazione in favore di persone anziane che non possono o non vogliono lasciare la loro casa.

“Ci sta a cuore il problema di tante persone di una certa età che spesso non riescono a vivere bene a causa della malattia o della solitudine, che non hanno familiari pronti ad assisterli nel momento del bisogno, sempre più numerose nella nostra regione notoriamente anziana”. Così ci spiega gli obiettivi della fondazione Carmine Lucarelli che ne è responsabile e che aggiunge: “Allo stesso tempo ci stanno a cuore i tanti giovani disoccupati che, anche loro, non possono o non vogliono lasciare questa terra, povera di prospettive al momento, ma ricca di valori umani e di potenzialità da coltivare e da diffondere. Ci piacerebbe creare una rete di supporto a chi è solo attraverso l’mpegno di chi il tempo e la forza per dedicarsi agli altri ce l’ha. Lo vogliamo fare per bene, rispettando tutte le regole e cercando di essere di vero e concreto aiuto”.

Nata nel 2011 la fondazione conta una trentina di persone. Non definisce semplice il percorso di costruzione del meccanismo di mutuo aiuto Carmine Lucarelli, ma confida della perseveranza e nella positività dei membri nel guardare avanti e nell’operare con il piacere della gratuità del dono. “Abbiamo iniziato a muoverci formando ragazzi con borse di studio per diventare operatori sanitari, abbiamo attivato una rete di sensibilizzazione – conclude Lucarelli – Ora stiamo cercando di tessere questa trama di mutuo aiuto, convinti che in futuro ce ne sarà sempre più bisogno”. Chi volesse sostenere la Fondazione può firmare per il 5 per mille a loro favore (CF 9206311701).