Coldiretti: nasce JobinCountry, lo Sportello per lavorare nel mondo dell’agricoltura

Per combattere le difficoltà occupazionali, garantire le forniture alimentari e stabilizzare i prezzi e l'inflazione con lo svolgimento regolare delle campagne di raccolta in agricoltura la Coldiretti ha varato la banca dati Jobincountry per lavorare nel mondo dell'agricoltura

agricoltura

Arriva JobinCountry uno sportello online per lavorare nei campi e a lanciarlo è Coldiretti. Il progetto è stato testato prima in Veneto e ha avuto successo tanto da essere ora esteso a tutta Italia.

Si tratta di una banca dati autorizzata dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali dove si inseriscono le aziende agricole per un incontro tra domanda e offerta di lavoro. Con la piattaforma è possibile prima l’incontro online tra aziende e lavoratori e poi dal vivo sul campo. Sulla piattaforma con la massima trasparenza le aziende devono comunicare mansioni, orario di lavoro, luogo, ma anche le competenze necessarie per le assunzioni in agricoltura.

Il progetto JobinCountry, come abbiamo anticipato, è partito in Veneto e Coldiretti comunica che sono state moltissime le richieste, 1.500 nella prima settimana, che hanno ricevuto in particolare da operai, cassaintegrati, giovani laureati, addetti al settore turistico che ora sono in difficoltà ma anche da pensionati. Una delle ultime proposte del ministro dell’Agricoltura era quella di assumere per il lavoro nei campi i beneficiari del reddito di cittadinanza.

Per informazioni o per candidarsi è necessario far riferimento al sito.