Il valore immenso di un “Grazie”

In perfetto stile Colibrì oggi vogliamo offrire il nostro spazio per dare voce ad una cosa bella, alla volontà di dire grazie, atto ormai non sempre scontato, che il signor Domenico Trivisonno rivolge agli operatori della struttura “Casa Cannavina” di Ripalimosani per le amorevoli e professionali cure prestate alla sua mamma nel corso della sua degenza.

94
grazie

“La parola è semplice, solare e non richiede una risposta. Una parola comune che racchiude in sé quindi molte qualità e sentimenti positivi. Eppure alle volte si potrebbe dire che questa parola sia sparita dalla bocca di molti.

Ma non di tutti per fortuna.

Il centro geriatricoCasa Cannavina” a Ripalimosani racchiude tutto questo per l’amorevole cura che gli operatori sanitari offrono ai propri degenti, facendoli sentire persone e non pazienti. Il pensiero, ma soprattutto la profonda riconoscenza va in particolare all’umanità e la pazienza che hanno caratterizzato ogni gesto, ogni sorriso e ogni istante delle lunghe giornate presso la struttura.

Un’équipe affidabile e perfettamente organizzata sia nella gestione dei servizi igienici, sempre puliti e confortevoli e sia nell’offrire agli anziani una corretta alimentazione, varia e bilanciata, fatta di cibi freschi e preparati sapientemente.

Il lavoro svolto quotidianamente in questa struttura deve costituire uno stimolo riflessivo per chi è chiamato a prendere decisioni in merito all’operatività del centro, al suo ampliamento e incremento con nuove potenzialità.

Per questo e per tante altre ragioni bisogna prendere coscienza di quanto importante sia, per la comunità di Ripalimosani, l’esistenza di questa struttura”.