Autunno, tempo di castagne…e di tosse. Cosa fare quando ci ammaliamo?

    201
    immagine farmacista

    L’autunno si sa è il tempo delle foglie che cadono, delle castagne, del ritorno alle zuppe calde e anche alle sciarpe e cappelli per ripararsi dai primi freddi e dai malanni di stagione che in questo periodo colpiscono molte persone. Tosse, raffreddore e influenza accompagnano sempre l’autunno rallentando un po’ i nostri ritmi quotidiani e disturbando anche il nostro riposo notturno.

    Per aiutare i nostri lettori ad affrontare al meglio la stagione fredda abbiamo chiesto alla Dottoressa Maria Iolanda Piccirilli, titolare della Farmacia del piccolo paese di Castelbottaccio (Cb), quali sono le cause e quali i rimedi per curare in particolare la tosse.

    Come ci spiega subito la dottoressa Piccirilli, “ambienti chiusi, scuole, uffici, mezzi pubblici sono luoghi in cui passiamo le nostre giornate e dove purtroppo ci scambiamo anche molti batteri. Infatti, laddove non c’è un buon ricircolo di aria raffreddore e tosse sono sempre in agguato”.

    “In particolare la tosse è una risposta del nostro organismo ad uno stato infiammatorio delle vie respiratorie come trachea, laringe, faringe e, nei casi più gravi, colpisce i bronchi”.

    “E’ possibile distinguere tra tosse secca e tosse grassa. Nel primo caso la tosse non dà origine alla produzione di muco e si acutizza durante la notte e quando si è distesi. In questo caso per curarla si consiglia di utilizzare sciroppi sedativi della tosse e antitussivi. Tuttavia, per le persone diabetiche che non possono assumere sciroppi in quanto zuccherini, è preferibile somministrare delle pastiglie o compresse, come ad esempio la NeoBorocillina, o altre a base di destrometorfano, consigliabile anche per coloro che passano molte ore fuori di casa per cui diventa scomodo portare dietro lo sciroppo”.

    “La tosse grassa è, invece, associata alla produzione di muco che si forma a livello dei bronchi e la tosse diventa quindi una risposta dell’organismo per espellere tale sostanza. La cura, in questo caso, consiste nell’uso di uno sciroppo fluidificante”.

    Dopo aver quindi capito perché ci ammaliamo e quali sono le cure più adatte a combattere la tosse, abbiamo chiesto alla dottoressa Piccirilli anche come, eventualmente, prevenire questi malanni stagionali. “Bisogna, innanzitutto, curare l’igiene, quindi lavare spesso e bene le mani per evitare di portare alla bocca batteri e germi che abbiamo potuto raccogliere toccando cose o persone magari già malate; ricordarsi di mettere sempre le mani davanti la bocca quando si tossisce è sempre una buona regola da seguire e infine prestare attenzione anche all’ambiente in cui ci troviamo e quindi evitare che l’aria sia troppo secca o al contrario troppo umida”.

    Nel concludere il nostro incontro la dottoressa ci lascia con un promemoria importante: “non sottovalutiamo o trascuriamo mai la tosse per evitare che la stessa porti ad infezioni più serie, come ad esempio la bronchite, che diventa molto più complessa e faticosa da curare”.

    Dunque riguardiamoci e scegliamo le giuste cure per affrontare al meglio la stagione fredda e goderci le tante cose belle che l’autunno ci regala.