Carie: le buone e le cattive abitudini per la salute dei denti

    82
    dentista

    Ben il 63% degli italiani, ovvero più di uno su due, soffre di carie mentre il 52% degli ultracinquantenni attualmente soffre di parodontite: due disturbi che, sebbene spesso sottovalutati, possono mettere a serio rischio la salute dei denti arrivando addirittura nei casi più gravi a causarne la perdita. Le cause dell’insorgere di questi problemi e del loro progredire sono quasi sempre da attribuire a una scarsa igiene orale, accompagnata spesso da continui eccessi alimentari e della mancanza di regolari controlli dal dentista. Esistono tuttavia una serie di accorgimenti, di buone e cattive abitudini utili a evitarne l’insorgenza e mantenere propri denti sempre sani: vediamone alcuni.

    Cibi e bevande zuccherate

    I cibi e le bevande zuccherate sono sicuramente fonte di piacere grazie al loro sapore, ma risultano altrettanto pericolosi per la salute dei denti. Bisogna infatti stare attenti a non farne abuso, dato che la ricerca medica elenca questi alimenti tra quelli che più facilmente provocano la carie insieme al cibo particolarmente acido, come le spremute di agrumi o i centrifugati di frutta. Questi ultimi hanno, infatti, un effetto erosivo sullo smalto e favoriscono la proliferazione batterica perché creano un ambiente ideale per il loro sviluppo impedendo alla saliva di difendere i denti e di ristabilire il PH corretto della bocca.

    sorrisoDormire con la bocca aperta

    La saliva gioca un ruolo fondamentale per la salute della bocca in quanto è ricca di una serie di elementi che servono a proteggerla. In essa sono infatti presenti alcuni sali minerali che insieme alle diverse sostanze antibatteriche sono in grado di creare una barriera difensiva naturale che lava e disinfetta il cavo orale in continuazione. Dormire con la bocca aperta fa quindi circolare l’aria in maniera innaturale e riduce l’umidità interna, asciugando la gola e lasciandola in balia degli attacchi degli agenti patogeni. Attenzione quindi anche a trattare adeguatamente, anche in vista di una buona igiene orale, le patologie legate ai disturbi del sonno come le apnee ostruttive notturne, che possono aumentare il disagio e causare ulteriori problemi al cavo orale.

    Buone abitudini per prevenire la carie

    Spesso non si arriva ad associare la carie alle abrasioni dello smalto dei denti: purtroppo però i due eventi sono strettamente legati e bisogna fare molta attenzione a non eroderlo. Questo perché lo smalto è una superficie protettiva molto forte e la parte che si rovina non si può, purtroppo, ripristinare. Quindi, per preservarlo il più integro possibile, la prima cosa da fare è proprio evitare di intaccarlo usando uno spazzolino morbido e un dentifricio indicato per la protezione dello smalto, che lo protegge e lo cura.

    Le carie infatti quando vengono curate in tempo non sono pericolose, a patto però di rispettare una serie di buone abitudini che servono a ridurne l’insorgenza. Tra queste, non possono certamente mancare una pulizia regolare e un’alimentazione corretta (che limita, come abbiamo visto, gli zuccheri). Masticare bene il cibo evita inoltre che si incastrino fastidiosi residui tra i denti, che possono essere particolarmente pericolosi quando si è fuori casa e non si ha a disposizione del filo interdentale. Infine attenzione anche ad agevolare la salivazione, che disinfetta e protegge la bocca.

    La salvaguardia dei denti è fondamentale e mantenerla non è poi così difficile. Basta fare attenzione a lavare i denti regolarmente usando tutti gli strumenti utili e tenerli sempre sotto controllo, andando dal dentista almeno ogni sei mesi.