La terapia di gruppo per affrontare il disturbo mentale, Campobasso capofila nazionale

    Ridotti fortemente gli accessi al pronto soccorso e quasi azzerati gli interventi notturni. Il 20 e il 21 ottobre, a Campobasso, risultati a confronto per 16 regioni italiane

    122
    terapia di gruppo

    La terapia di gruppo in Psichiatria: il reparto del Cardarelli di Campobasso in prima fila nazionale insieme ad altri reparti ospedalieri nella sperimentazione di questo approccio e il 20 e il 21  ottobre prossimi i risultati verranno messi a confronto proprio nel capoluogo molisano.

    Sono 16 le unità operative che in diverse regioni italiane (Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Lombardia, Marche, Molise, Puglia, Toscana, Trentino e Veneto) hanno usato lo stesso approccio: i risultati più convincenti, come riporta il sito specializzato quotidianosanità.it si sono ottenuti a Campobasso dove l’intervento è stato applicato con regolarità dal 2002 e ha contribuito a migliorare la continuità assistenziale ospedale-territorio e il filtro “territoriale” riducendo l’accesso al pronto soccorso e quasi azzerando gli interventi notturni e domiciliari.

    La modalità di approccio nasce al San Filippo Neri di Roma, successivamente è stata strutturata dall’équipe campobassana: è l’unico approccio messo in campo da più fronti con la medesima metodologia descritta in un manuale operativo. E gli esiti non sono da poco: riduzione di allontanamenti non concordati dal reparto, diminuzione delle contenzioni, miglioramento rapido della sintomatologia, riduzione delle riammissioni anche con Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO), aumentata soddisfazione dei ricoverati e miglioramento dell’atmosfera di reparto.

    Una bella soddisfazione per il gruppo guidato dal dottor Franco Veltro, che da decenni opera in trincea nella sanità pubblica molisana tra medicina ospedaliera e territoriale.

    Le attività di gruppo a Campobasso riguardano attualmente azioni di problem solving strutturato per pazienti gravi e gravosi, attività psicoeducativa per pazienti bipolari, progetto Benessere, di Comunicazione Efficace in collaborazione con Promosam, attività psicoeducativa multifamiliare. Le ultime frontiere hanno raggiunto anche i disturbi di personalità, con attività di gruppo per la gestione dell’ansia e della depressione, i mali del secolo che oggi colpiscono un’ampia fetta di popolazione.

    Al confronto di venerdì e sabato parteciperanno diversi Direttori di Dipartimento (Angelozzi, Bellomo, Corrivetti, Di Munzio, Natali) e Ordinari di Psichiatria (Bellomo, Bertolino, Carpiniello, Grassi, Roncone) che hanno già effettuato delle ricerche o che intendono promuoverle. Seguirà un dibattito istituzionale a cura di ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità (Gigantesco) e dell’Agenas (Braga), del Presidente della Società Italiana di Psichiatria (Carpiniello), del Presidente del Coordinamento dei reparti italiani (Bondi); le conclusioni sono a cura del Direttore Generale Area Salute della Regione Molise (Gallo). L’introduzione è a cura del Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria della Regione Molise (Sosto) e del Presidente dell’Ordine dei Medici (De Vincenzo).