MILONGA PARKINZONE : QUANDO IL TANGO DIVENTA UNA TERAPIA PER IL PARKINSON

254

Nel 2009 l’UNESCO ha dichiarato il tango argentino “un bene culturale immateriale” patrimonio dell’umanità. La camera gestazionale del tango è l’area geografica di Rio de la Plata, parte marittima del confine tra Argentina e Uruguay. Siamo tra il 1875 ed il 1914 quando arriva un’ alluvione migratoria di circa cinque milioni di persone: contadini nomadi ed europei immigrati, in particolare spagnoli ed italiani. Un caleidoscopio di culture, lingue e narrazioni di vita differenti danno vita ad una danza: il tango argentino.
Oggi assistiamo ad un proliferare di scuole di tango in ogni parte dell’Italia. La “tangomania” è divenuto un fenomeno che si estende a macchia d’olio anche in Molise. Ma il tango non è solo un momento di aggregazione è anche una terapia.
Recenti ricerche hanno dimostrato come questa danza produca miglioramenti sulla sfera motoria, relazionale ed emotiva di persone affette da malattie neurodegenerative e soprattutto dal morbo di Parkinson. In Italia il fenomeno della tango-terapia è in aumento. Il reparto di riabilitazione specialistica dell’ospedale San Giuseppe di Milano, infatti ha scelto di introdurre la tango-terapia nei protocolli clinici. L’obiettivo è accompagnare il recupero di malattie come il Parkinson, sclerosi multipla, esiti di ictus, disturbi dell’equilibrio neurogeni e patologie croniche respiratorie.
Anche il Molise vanta un protocollo alternativo per il trattamento del Parkinson. Nelle sedi campobassane della ParkinZone Onlus, un’iniziativa che nasce tra Roma e Pozzilli grazie allo straordinario impegno del neurologo Nicola Modugno, ogni mercoledì si affronta Mister Parkinson a suon di tango. Questa straordinaria realtà non può rimanere ad appannaggio di pochi ma necessita di uscire fuori. A tal proposito domenica 19 aprile alle ore 18.00, presso Chiesa di Sant’Antonio di Padova in via Principe di Piemonte di Campobasso, si terrà la prima Milonga ParkinZone. Pazienti parkinsoniani e tangueri navigati si uniranno per creare un’integrazione tra il profilo terapeutico del tango ed il piacere di ballarlo.
L’associazione non riceve alcun tipo di finanziamento e fa affidamento esclusivamente sulle proprie forze contando sulla creatività degli operatori e dei volontari, ma soprattutto sulla grande perseveranza delle persone affette da questa patologia. Ecco perché gli eventi rappresentano un’ occasione importante per garantire lo svolgimento delle attività annuali.

Per informazioni:
Valentina Bonaccio 320.8938889
Email: parkinzonecb@virgilio.it
Facebook: ParkinZone Onlus Campobasso