Obesity Day 2018, la campagna dell’ADI per combattere lo stigma sociale dell’obesità

    145
    obesità

    Si celebra il 10 ottobre l’Obesity Day, la campagna nazionale di sensibilizzazione promossa dall’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica (ADI). Quest’anno il messaggio è chiaro: stop allo stigma sociale del peso e dell’obesità.

    “Le convenzioni sociali e le rappresentazioni mediatiche dell’obesità rafforzano stereotipi della patologia che alimentano lo stigma- dicono i promotori dell’iniziativa-  È fondamentale che i media, le istituzioni, l’opinione pubblica adeguino il linguaggio e le immagini utilizzati sull’obesità e che ritraggano essa in modo corretto, trattandola per quello che è, cioè una malattia e non un problema estetico”.

    L’obesità colpisce, solo in Italia, 6 milioni di persone, mentre sono 22 milioni le persone in sovrappeso, per un costo annuo stimato in 9 miliardi di euro. Secondo l’indagine Eso, le regioni meridionali presentano la prevalenza più alta di persone di 18 anni ed oltre obese (Molise 14,1%, Abruzzo 12,7% e Puglia 12,3%) ed in sovrappeso (Basilicata 39,9%, Campania 39,3% e Sicilia 38,7%) rispetto alle regioni settentrionali, che mostrano i dati più bassi di prevalenza di obesità (Lombardia 8,7% e Piemonte 8,9%) e sovrappeso (Valle d’Aosta 30,4% e Lombardia 31,9).

    In una dimensione globale, invece, i dati del rapporto “The State of Food Security and Nutrition in the World 2018. Building climate resilience for food security and nutrition”, pubblicato a settembre 2018 da Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (Ifad), Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef), Programma alimentare mondiale (Wfp) e Organizzazione mondiale della sanità (Oms), rivelano che nel mondo 821 milioni di persone (circa 1 su 9) soffrono la fame, mentre 672 milioni (circa 1 su 8) sono obesi.

    Nel mondo, 150,8 milioni di bambini sotto i 5 anni di età (22,2%) hanno subito un arresto della crescita per denutrizione, 50,5 milioni (7,5%) sono sottopeso. Peraltro, 38,3 milioni di bambini sotto i 5 anni di età (5,6%) sono in sovrappeso. Inoltre è bassa (40,7%) la percentuale di bambini sotto i 6 mesi con allattamento esclusivo al seno e alta (32,8%) quella di donne in età fertile con anemia. L’obesità è una malattia dei paesi cosiddetti sviluppati, con delle importanti conseguenze sociali.

    Il presidente della Fondazione, Adi Giuseppe Fatati, ha dichiarato che “l’obesità è una condizione complessa che deriva dall’interazione di fattori genetici, psicologici e ambientali. Da qui la volontà di unirsi in maniera decisa al monito lanciato dalla campagna mondiale del World Obesity Day che dice stop allo stigma del peso, alla colpevolizzazione, al bullismo e alle discriminazioni sociali”.

    Per contrastare le discriminazioni, sono scesi in campo 10 tra società scientifiche e associazioni di pazienti sottoscrivendo il Manifesto dell’Italian Obesity Network per tracciare una ‘road map’ di intervento. Il Manifesto individua 4 azioni urgenti per contrastare lo stigma: abbandonare l’uso di immagini negative e linguaggi inappropriati; combattere le discriminazioni sui luoghi di lavoro e il bullismo nelle scuole; attuare politiche governative a favore di un migliore accesso a cibo nutriente riducendo la commercializzazione di opzioni meno sane; instaurare una relazione positiva tra medico e paziente.