Torna EpInForma: convegni e studi sull’epilessia targati Neuromed

    6
    neuromed Pozzilli

    Torna nell’I.R.C.C.S. Neuromed l’appuntamento con EpInForma, convegni di aggiornamento e studio sull’Epilessia organizzati dal dottor Giancarlo Di Gennaro a capo dell’Unità Operativa di Chirurgia dell’Epilessia dell’Istituto di Pozzilli. “EpInForma. Il Mioclono epilettico e non epilettico” è il titolo del seminario ECM (Educazione Continua in medicina) rivolto alle professioni sanitarie che si terrà il 28 e 29 marzo prossimi.

    Nella prima giornata i lavori si terranno a partire dalle ore 14.30 nella Sala Conferenze dell’Hotel La Fonte dell’Astore di Castel Petroso. Il secondo giorno l’appuntamento, a partire dalle ore 9.00, è nella Sala Conferenze del Parco Tecnologico dell’I.R.C.C.S. Neuromed.

    Il mioclono, detto anche mioclonia e miochimia quando interessa una piccola parte di muscolatura, è una breve e involontaria contrazione (spasmo) di un muscolo o di un gruppo di muscoli. Non sempre è collegato ad una patologia. Il momento più comune in cui una persona può andarvi incontro è nella fase di addormentamento. Anche il singhiozzo è una forma di spasmo mioclonico che riguarda il diaframma.

    Gli spasmi mioclonici sono però anche sintomo di disturbi neurologici; tra questi alcune forme di epilessia. Quest’ultima può manifestarsi in diverse forme che prendono il nome di epilessia mioclonica e che possono interessare diverse fasce d’età.

    I meccanismi che sono alla base delle mioclonie non sono ancora noti. Un dato che viene avvalorato dalla constatazione che tipologie simili di mioclono non rispondono in maniera egualmente positiva alla stessa terapia. Tale situazione, già di per sé complessa, è resa ancora più intricata dal fatto che non tutti i tipi di mioclonie vedono alla loro base gli stessi processi fisiopatologici.

    Il convegno è dedicato, quindi, a delineare le peculiarità cliniche e terapeutiche delle epilessie miocloniche che esordiscono nelle varie fasce di età, mettendo in evidenza aspetti diagnostici e terapeutici. L’esperienza riconosciuta dei relatori e l’attualità dei temi trattati conferiscono all’evento una notevole rilevanza in termini di aggiornamento e di arricchimento culturale per medici specialisti neurologi, neuropsichiatri infantili.