Smettiamola di dire che mancano i docenti. C’è un esercito di precari a spasso e in attesa di nomina

I docenti ci sono. Se le Gae sono esaurite, ci sono le GPS con una marea di docenti precari e non. La situazione era prevedibile. Perchè non vengono nominati i supplenti? E' facile dire "non ci sono docenti"

La scuola è al centro dell’attenzione di tutti, come non lo è mai stata prima. Ma ciò che più scatena i commenti di amici, parenti, conoscenti, gente che non si è mai interessata alla scuola e chi più ne ha più ne metta, è la famosa frase: “mancano gli insegnanti“. Eh no, non è proprio così. E’ stato fatto passare un messaggio distorto, senza conoscere la reale problematica. I docenti mancano, ma mancano quelli di ruolo, che mancano da anni ormai, ma non di certo i precari inseriti nelle famose GPS, che ne sono anche troppi. In totale sono 753.750 le domande pervenute per l’inserimento nelle GPS 2020/21 entro la scadenza fissata al 6 agosto e se proprio non bastassero nemmeno 753.750 docenti, si potrebbe sempre far ricorso alle Mad che, stando all’ordinanza del 5 settembre, possono essere inoltrate alle scuole da coloro che non sono presenti in nessuna graduatoria provinciale e di istituto.

Per quanto riguarda la carenza di docenti nella primaria e nell’infanzia, è un problema presente già da molti anni a cui si è fatto fronte aumentando i posti presso gli atenei per il Corso di laurea Magistrale in Scienze della Formazione Primaria.

Per le secondarie le GPS sono infinite. C’è un esercito di precari creato negli anni che, in fondo, fa anche comodo al sistema. E’ facile dare la colpa al precario perchè è precario. In Lombardia c’è un caos per quanto riguarda la nomina dei supplenti, Gae esaurite certamente, ma perchè non vengono nominati i supplenti? Tralasciando tutte le domande compilate in maniera erronea, titoli inventati e/o falsificati che, per legge, sono escluse, ma resta sempre una grande fetta di gente presente in Gps che è pronta a prendere il primo volo da Agrigento per Brescia, o per Milano, o per Verona e la lista è ancora lunga.

A Brescia i supplenti per le secondarie ancora non vengono nominati e i docenti hanno manifestato dinanzi al provveditorato, Roma è nel caos e già dal due settembre si manifestava per la stabilizzazione. In Toscana i punteggi dei docenti erano errati. Per non parlare di servizi mai svolti e punti alquanto assurdi. Ma il caos generale regna in tutte le province, soprattutto in quelle nelle quali ci sono state molte domande.

Quindi il problema è un altro. I docenti ci sono, esistono, ma non vengono stabilizzati e non vengono nominati. E’ impensabile che in Gps ci sia gente con oltre 20 anni di servizio. E’ inammissibile che mancano i docenti di sostegno e anzichè assumere i circa 14mila specializzati del IV ciclo TFA sostegno, si tengano in GPS come supplenti e, intanto, il V ciclo specializzerà altra gente, creando così, altri precari del sistema. I problemi sono tanti e la lista è ancora lunga. Troppo semplice dire “le gae sono esaurite, mancano i docenti“.