Aiuti ai molisani in Venezuela: solidarietà e accoglienza per i nostri corregionali in difficoltà

56
crisi venezuela

I volontari dell’Associazione Auser “Giuseppe Tedeschi” che hanno promosso il Comitato Molise Pro-Venezuela ringraziano la Caritas Diocesana di Trivento per aver portato a termine il rientro delle sorelle Mireya e Miriam, di cui una con seri problemi di salute, originarie di Oratino e Fossalto, ed esprimono apprezzamento per la scelta compiuta dalle Suore di Montefalcone nel Sannio di accogliere nella loro struttura le due oriunde molisane scappate dalla drammatica crisi venezuelana.

L’impegno della CARITAS di Trivento sta consentendo a delle persone anziane in difficoltà, impossibilitate a rientrare in Italia, di ricevere un modesto ma preziosissimo aiuto umanitario grazie alla solidarietà di cittadini e parrocchie della stessa Diocesi.

Il lavoro silente del Comitato Molise Pro-Venezuela ha consentito lo sblocco del rilascio del passaporto italiano a due fratelli, di cui uno malato, Cristian Gabriel e Camillo Leonel, liberi a questo punto di poter raggiungere la mamma già rientrata a Morcone da qualche tempo.

Merita di essere segnalata la positiva disponibilità dell’Amministrazione Comunale di Bonefro che ha rilasciato la cittadinanza italiana a Giuseppina Silvestri, così come va espressa gratitudine ai 300 partecipanti agli eventi di solidarietà promossi recentemente ad Oratino, con un seminario sulla crisi venezuelana e una manifestazione in cui i molisani rientrati hanno realizzato uno spettacolo e una cena.

Aver avuto la possibilità di far conoscere ad un numero così ampio di persone ciò che sta accadendo alle migliaia di corregionali emigrati in Venezuela  ed i sacrifici, le ostilità e le difficoltà che incontrano coloro che sono tornati, è stata sicuramente una buona occasione di socializzazione e coinvolgimento responsabile su una crisi umanitaria di proporzioni immane.

Da ultimo il Comitato Molise Pro-Venezuela è in attesa della disponibilità della famiglia De Sanctis originaria di Toro e che, aiutata a rientrare da Barquisimeto, ha trovato ospitalità e alloggio gratuito nella città de L’Aquila, al fine di promuovere un incontro di ringraziamento con il Comune di Toro, la Parrocchia, il Comitato San Mercurio e tutte le Associazioni che hanno contribuito alla raccolta fondi per permettere l’arrivo in Italia di Andrea, del marito e delle due bimbe di 3 e 5 anni.

Prosegue nel mentre la raccolta farmaci avviata grazie ad ALI ONLUS, l’Associazione Latino Americana, che ha approntato la metodologia per spedire le medicine in Venezuela appoggiandosi a Fondazioni, Caritas e Parrocchie che ne curano la distribuzione gratuita a chi ne ha bisogno. Questa piccola pagina di solidarietà molisana scritta con il cuore e con le mani di tanti cittadini, amministratori, volontari e operatori sociali regionali, rappresenta un raggio di luce che illumina una fase dominata dall’odio, dal rancore, dalla rabbia e dalla paura.