“Anni in movimento” a Montagano, un rimedio all’invecchiamento senza effetti collaterali

28
montagano

A Montagano lo scorso 4 aprile è partito il progetto “Anni in Movimento“, l’iniziativa del Coni nell’ambito del suo obiettivo di promozione dello sport sul territorio, volta allo sviluppo di una cultura motoria e sportiva nelle persone in età adulta.

La presentazione del progetto si è tenuta lo scorso 27 marzo presso la Sala Consiliare del Comune di Montagano, dove sono intervenuti: per il comune, il vicesindaco Francesca Primiano; per il Coni, il delegato provinciale Antonio Rosari, il coordinatore tecnico Giuseppina Calcagnile e l’istruttore Giovanna Anna Sappracone.

Il vicesindaco Primiano ha espresso i ringraziamenti dell’amministrazione comunale al Coni per aver inserito Montagano tra i comuni destinatari del progetto, augurando ai partecipanti di svolgere le attività con entusiasmo e passione per il raggiungimento di un benessere psico-fisico. Ha, inoltre, auspicato che l’iniziativa rappresenti un momento di socializzazione per gli iscritti ed un input per loro ad intraprendere uno stile di vita salutare.

Antonio Rosari, prendendo la parola, spiega come il coni ha voluto premiare il comune di Montagano, proponendo gratuitamente “Anni in Movimento”, riconoscimento dovuto ad una duratura collaborazione, anche relativamente all’attuazione di altri progetti, tra cui “mettiamoci in gioco”, attivato da diversi anni nella scuola dell’infanzia.

Particolarmente significativo l’intervento della dott.ssa Calcagnile che, anche con l’ausilio di diapositive, si è soffermata sulla tematica dello sport che viene sempre di più considerato tra gli elementi fondamentali di contrasto e prevenzione del declino fisico collegato all’invecchiamento. Ha poi ribadito che la pratica dell’attività fisica riveste un ruolo estremamente importante nella vita di tutti, tanto da essere paragonabile ad un potente farmaco privo di effetti collaterali.

“Anni in Movimento” intende quindi far sperimentare praticamente alle persone di età superiore ai 60 anni, un percorso motorio o sportivo che permetta di constatare personalmente e sulla propria persona i benefici di un’attività svolta in maniera regolare e nel rispetto di esigenze specifiche. Concetto, questo, ribadito dall’istruttrice Sappracone che predisporrà un programma personalizzato volto al raggiungimento di obiettivi individuali di ciascun partecipante.

L’iniziativa ha registrato ampio consenso da parte dei cittadini montaganesi che dal 4 aprile sono impegnati nei 10 incontri che si terranno nei locali messi a disposizione dal comune.