CAREGIVER, I PROFESSIONISTI SI INTERROGANO

148
CAREGIVER, I PROFESSIONISTI SI INTERROGANO

Prendersi cura di una persona anziana non è cosa semplice, soprattutto se si ha a che fare con particolari patologie legate all’età. Ma quanto e in che modo il carico di questa assistenza influisce sul caregiver, ossia colui che ha l’onere della cura?
È la domanda a cui cercano risposta i professionisti del distretto sanitario Bojano-Riccia e del centro Alzheimer di Campobasso, nonché tema centrale del convegno svolto ieri nella sala conferenze dell’Asrem di via Petrella.
Nuove normative e l’aumento del richieste di aiuto diventano stimolo per una nuova ricerca. La ricerca è nata con l’obiettivo di spostare l’attenzione dalla persona con disagio alla persona che deve prendersi cura ed assisterla quotidianamente: il caregiver. Il caregiver si trova dunque a dover assistere ogni giorno la persona con disabilità e ad essere necessariamente sempre pronto a farsi carico, oltre che dei propri problemi anche quelli del familiare. La situazione è ancora più incisiva sulla salute del caregiver quando la malattia del familiare insorge nel corso dell’arco della vita, creando così una realtà inaspettata. In alcuni casi la malattia si caratterizza come un evento che irrompe la vita di due o più persone, portando cambiamenti nei loro progetti di vita non previsti. Il lavoro viene svolto valutando un campione di cento caregiver di pazienti in carico dal servizio domiciliare del distretto. I risultati confermano che il caregiver ne risente sia sul piano fisico che su quello psichico della malattia che ha colpito il proprio caro.