LARINO, FESTA DEI NONNI

180
LARINO, FESTA DEI NONNI

Venerdì 2 ottobre alle 16,30 nella Residenza Sanitaria Assistenziale di Larino alla “Festa dei Nonni”, un Concerto Musicale per festeggiare i nonni della RSA frentana.
Non si poteva certo non festeggiare, nella Residenza Sanitaria Assistenziale di Larino, venerdì 2 ottobre la “Festa dei Nonni”, una festività nata in America nel 1978 e dal 2005 riconosciuta ufficialmente anche in Italia, nella giornata dedicata ai Santi Angeli Custodi.
“Anche quest’anno, per il terzo anno consecutivo, partners dell’iniziativa è l’Associazione Cure Palliative Molise, che ha preparato per i nostri ospiti un Concerto musicale, di cui non ci hanno voluto anticipare nulla, sarà una vera sorpresa per tutti – spiegano dalla RSA – Un evento che ha la finalità di celebrare la figura importantissima dei nonni: i nostri primi amici, quelli che hanno vegliato sulla nostra infanzia, che ci hanno coccolato e soprattutto ci hanno trasmesso valori del passato su cui abbiamo fondato il nostro presente e che ci guideranno in futuro”.
L’animatrice della struttura ha sottolineato l’importanza di questa festa dicendo: La figura dei nonni è andata cambiando nel corso degli anni, da trasmettitori di valori sono diventata nella società odierna una risorsa per le famiglie, sia economicamente, è inutile negarlo, sia perché in una società dove i rapporti interpersonali si stanno perdendo e viviamo di rapporti telematicamente virtuali, i nonni oggi, seppur avanti anche essi con la tecnologia e al passo con i tempi, rappresentano gli unici che “comunicano”, gli unici con cui parlare, raccontare e farti una sonora risata mentre gusti un gelato al parco.
Gesti banali, che si stanno perdendo – ha poi continuato l’animatrice – “Faccio un appello alle scuole, non abbiate paura di favorire uno scambio generazionale tra anziani e ragazzi, anche nella nostra struttura, noi siamo pienamente disponibili ad accogliervi, perché questo può solo arricchire le nuove generazioni e al contempo regalare emozioni agli anziani, o meglio ai nonni”.
Ricordiamoci di passare più tempo con i nostri nonni, i nostri angeli custodi.