I malati di Alzheimer non sono conchiglie vuote, una mostra d’autore per capire

45
assemini alzheimer

Purché si comprenda che cosa significa stare vicino a chi soffre. E’ la realtà dei caregiver, la dura realtà di chi convive con la malattia dell’Alzheimer in maniera indiretta ma sicuramente più pesante del malato stesso. Ed è l’idea di fondo della mostra fotografica che in Sardegna parla di Alzheimer con uno sguardo fuori da ogni stereotipo: sono le foto di Cathy Greenblat esposte ad Assemini (Cagliari) attraverso una mostra itinerante che porta con sé nelle varie tappe seminari e momenti di approfondimento su una delle patologie dei nostri tempi. E che raggiunge i territori con screening della popolazione volti a identificare meglio la diffusione del problema sul territorio.

Un’operazione di prevenzione, dunque, di informazione e di sensibilizzazione da parte di chi con le immagini ha voluto colpire l’animo di chi osserva. “I malati di Alzheimer di Cathy Greenblat – racconta TripPic Italia che promuove il turismo attraverso la bellezza dei posti e del cuore della gente – i malati non sono conchiglie vuote ma sono persone che ritrovano ricchezza della vita in una serena e continua relazione affettiva con chi li assiste”.