RIPABOTTONI, ALLA CASA DEI NONNI MOLTO PIÙ DI UNA FESTA

474
Casa dei nonni d'Italia Ripabottoni

Dire festa è dire poco: quella di ieri alla Casa dei Nonni d’Italia è stata una vera botta di vita e di amore. Tombola, canti, musica e divertimento erano in programma. Inaspettata è stata invece la partecipazione così sentita ed accorata degli ospiti e di tanti parenti. Maddalena, in barba al suo Alzheimer, ha recitato la poesia di Natale in maniera ineccepibile, senza dimenticare neanche una parola. Doriana, la figlia di una delle ospiti, ha voluto donare un ringraziamento scritto ed incorniciato che ha commosso e bagnato gli occhi di tutti. Senza parole soprattutto gli operatori, a cominciare dalla direttrice Patrizia Pano, che in questa casa gettano le loro energie con la passione di chi nel progetto ci crede davvero. Nutrito il cuore il supergruppo ha pensato bene di nutrire anche lo stomaco. E ci ha pensato con maestria la cuoca, che a suon di pizza e delle sue fatidiche scrippelle ha reso ancor più piena questa bella festa. Un bel Natale per la residenza protetta, rilanciata con grande coraggio nel 2012 dalla Fondazione “A. Giovannitti” e gestita dalla cooperativa Sirio, che da ieri sera, con l’arrivo di un altro ospite, è praticamente al completo.

Fotogallery