SANTA CROCE DI MAGLIANO, IN CAMPO I NONNI-VIGILI

208
SANTA CROCE DI MAGLIANO, IN CAMPO I NONNI-VIGILI

Giuseppe Licursi, Giacomo Mascia, Giuseppe Lamanna e Michelino Soprano. Chi sono? Persone comuni, ma anche speciali. Non solo semplici nonni, ma da oggi anche vigili. Questi quattro “nonni-vigili” sono stati presentati ufficialmente alla cittadinanza questa mattina in un incontro che si è tenuto presso il Comune di Santa Croce di Magliano, alla presenza del sindaco Donato D’Ambrosio. Proprio l’Amministrazione comunale è il soggetto promotore di questa bella iniziativa che mette al centro dell’attenzione una figura perno della nostra società: il nonno, non solo custode della memoria e del sapere come tradizione insegna, ma che vuole essere anche soggetto attivo del vivere collettivo, offrendo il suo personale contributo alla società, un contributo che si sostanzia, nel caso specifico di questa iniziativa, nel tempo e nell’attenzione che i nonni possono e vogliono dedicare alla sicurezza dei più piccoli. Nasce con questo intento il servizio “Nonno-Vigile”, che consentirà di porre in essere un’attività di vigilanza presso le scuole cittadine (materne, elementari e medie) negli orari di entrata e di uscita dei bambini. Un modo per far sentire le famiglie più al sicuro. Del resto cosa c’è di più rassicurante dello sguardo di un nonno che, appunto, vigila sui bambini, potenzialmente tutti suoi nipoti. Un servizio che nasce grazie alla disponibilità dei quattro nonni che questa mattina hanno ricevuto in consegna paletta e altro materiale di “lavoro” per poter svolgere appieno il loro ruolo di vigili, i primi in assoluto a Santa Croce. Come precisato dall’Amministrazione Comunale, in casi eccezionali e su espressa autorizzazione dell’Ufficio di Polizia Municipale, i nonni volontari potranno essere impiegati per altre attività in situazioni particolari e per servizi limitati nel tempo, come nel caso di servizi di sorveglianza presso strutture culturali o nell’eventualità di manifestazioni organizzate o sponsorizzate dal Comune.
L’iniziativa in paese non poteva che suscitare grande entusiasmo tra genitori e bambini e grande soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco D’Ambrosio che ha voluto dire un grazie ai quattro nonni-vigili, non solo per l’opera prestata, ma ancor di più poiché con il loro operato fungono da esempio per quanti vogliono impegnarsi nel volontariato e soprattutto rappresentano un input da seguire per ricostruire e rafforzare il tessuto sociale dell’intera comunità.