I BAMBINI “CONSIGLIANO”: GIOCO E ARTE PER VIVERE IN CITTA’

100
I BAMBINI “CONSIGLIANO”: GIOCO E ARTE PER VIVERE IN CITTA’

“È bello questo disegno? Lo portiamo al LOURDES???”. Sicuramente crescendo questo piccolo artista correggerà l’errore di collocazione della sua opera in Louvre, ma per ora lui e tanti altri bambini si godono la frescura di Villa De Capoa a Campobasso, in compagnia delle loro famiglie, sposando l’iniziativa promossa in mattinata dal Comune di Campobasso e dal Comitato Regionale Molise Unicef.
“Gioco&Arte in città” nasce dall’idea del Consiglio Comunale dei bambini e delle bambine, organo per altro formalmente riconosciuto dal Comune di Campobasso, che ne disciplina la forma nel suo stesso statuto, riconoscendone “la funzione di educazione civica attiva e di partecipazione democratica, al fine di fornire agli amministratori il punto di vista infantile sui vari problemi della vita cittadina” (art.54 ter). Il consiglio si compone attualmente di 35 bambini, rappresentanti delle classi quarte e quinte delle scuole di Campobasso e si riunisce periodicamente per discutere delle azioni da mettere in campo per contribuire a fare del capoluogo molisano una città a misura di bambino.
Sara De Castro, segretario del comitato provinciale Unicef, ci ha illustrato i contorni dell’iniziativa realizzata questa mattina in Villa, sottolineando come i bambini, ideatori del progetto, abbiano manifestato la volontà di promuovere una forma alternativa di gioco e divertimento che andasse al di là del praticare sport come il calcio o stare in casa a giocare ai videogiochi o al pc. Per l’occasione l’area della Villa è stata suddivisa in 5 zone, ognuna dedicata ad una diversa attività: tiro alla fune, corsa nei sacchi, corsa a tre gambe, ruba bandiera e disegno. Inoltre all’ingresso del percorso è stata collocata una piccola casetta in legno con dei foglietti da imbucare per dare ai bambini la possibilità di suggerire all’amministrazione comunale dei modi e degli interventi per migliorare la città.
La partecipazione dei bimbi e delle famiglie alla manifestazione è stata buona ed è sicuramente di incoraggiamento per l’organizzazione nel futuro di giornate simili, in cui conciliare il gioco con il prendere parte attivamente alla vita della propria città.